donatori usa 370x280 - Bassa prevalenza dell’RNA-virus dell'epatite e in un sondaggio su larga scala di plasma da donatori degli Stati Uniti

Bassa prevalenza dell’RNA-virus dell’epatite e in un sondaggio su larga scala di plasma da donatori degli Stati Uniti

Il virus dell’epatite E (HEV) è un piccolo RNA-virus e rappresenta una preoccupazione emergente nei paesi industrializzati. La trasmissione di HEV attraverso la trasfusione di componenti del sangue è stata segnalata, ma non riguarda i medicinali derivati ​​dal plasma (PDMP) fabbricati con inattivazione e/o procedure di rimozione del virus. Questo studio ha voluto determinare la prevalenza di HEV tra i donatori di plasma degli Stati Uniti. Campioni di plasma da donatori US sono stati raccolti in centri attraverso gli Stati Uniti e inizialmente scrinati per HEV-RNA in 96 campioni minipool usando il test cobas HEV Roche sul sistema 8800 cobas. La sensibilità di 18.6 IU/mL permetteva una strategia di screening del minipool da donazioni individuali con titoli di HEV-RNA superiori a 2×103 IU/mL. Minipool reattivi da donazioni individuali sono stati ulteriormente analizzati per quantizzare la concentrazione dell’RNA-virale, determinare il genotipo HEV e lo stato anticorpale delle immunoglobuline (Ig)G e IgM anti-HEV.

Sono stati raccolti complessivamente 128.020 campioni provenienti da 96 centri raccolta-plasma CSL negli Stati Uniti, che rappresentano 27 Stati. La prevalenza di campioni HEV-RNA positivi è stata di 0,002%, identificati in tre donatori HEV positivi, tutti con HEV sottogenotipo 3a. I titoli di virus dei campioni HEV-positivi erano relativamente bassi (103-104 IU HEV RNA/ mL). Una donazione era sieropositiva per HEP IgG.

CONCLUSIONE: Lo screening di routine delle donazioni di plasma di origine statunitense per HEV non migliorerebbe sostanzialmente la sicurezza della maggior parte dei PDMP. La scarsa prevalenza e la potenziale carica virale di HEV, insieme ad efficaci fasi di riduzione dei virus nei processi produttivi, comporta un basso rischio residuo e margini di sicurezza accettabili per i PDMP derivanti dai donatori di plasma statunitensi.


Transfusion. 2017 Aug 21. doi: 10.1111/trf.14285. [Epub ahead of print]

Low hepatitis E virus RNA prevalence in a large-scale survey of United States source plasma donors.

Roth NJ1, Schäfer W2, Alexander R3, Elliott K3, Elliott-Browne W4, Knowles J4, Wenzel JJ5, Simon TL

Altre notizie della sezione

trasfusione e epatite E 153x97 - HEV e il rischio del destinatario della trasfusione

10 dicembre 2017

HEV e il rischio del destinatario della trasfusione

Le infezioni da epatite E (HEV) si trasmettono prevalentemente dagli alimenti e dall’acqua, tuttavia la trasmissione da trasfusioni avviene sia nei paesi in via di sviluppo che nei paesi sviluppati. L’infezione è di solito asintomatica ma può portare all’epatite fulminante nei pazienti con malattia epatica sottostante e in donne gravide che vivono nei paesi in […]

dna sequencing 153x97 - Il potenziale di metagenomica virale nella sicurezza della trasfusione di sangue

8 dicembre 2017

Il potenziale di metagenomica virale nella sicurezza della trasfusione di sangue

Grazie al significativo avvento negli ultimi dieci anni dell’elevata capacità di sequenziamento, è ora possibile dal punto di vita metagenomico definire lo spettro delle sequenze microbiche presenti nei campioni di sangue umano. Pertanto, il sequenziamento metagenomico appare come un approccio promettente per l’identificazione e la sorveglianza globale di nuovi virus emergenti e/o inaspettati che potrebbero […]

statistica 153x97 - Malattie infettive emergenti e sicurezza sangue: modellare il rischio di trasmissione della trasfusione

7 dicembre 2017

Malattie infettive emergenti e sicurezza sangue: modellare il rischio di trasmissione della trasfusione

Mentre il rischio di trasmissione con la trasfusione (TT) associato ai principali virus pertinenti come l’HIV è ormai molto basso, negli ultimi 20 anni c’è stata una crescente consapevolezza della minaccia per la sicurezza del sangue da parte di malattie infettive emergenti (EID), note per essere potenzialmente trasmissibili con le trasfusioni. Due modelli pubblicati per […]