1280px Cytomegalovirus infection 370x280 - Citomegalovirus: una strategia per la riduzione delle infezioni trasfusionali nei soggetti a rischio?

Citomegalovirus: una strategia per la riduzione delle infezioni trasfusionali nei soggetti a rischio?

Le infezioni da Citomegalovirus (Cmv) sono nella maggior parte degli individui asintomatiche, perché un buon sistema immunitario è in grado di tenerle sotto controllo, ma negli individui immunodepressi possono causare gravi complicanze, in particolare a occhi, fegato, sistema gastrointestinale e sistema nervoso. Un aspetto di grande importanza è rappresentato dalle infezioni congenite, contratte durante la gravidanza e trasmesse al feto, che possono arrecare al bambino danni permanenti anche gravi. La trasmissione è  esclusivamente interumana, attraverso tutti i liquidi biologici, compreso il sangue. Una volta contratta l’infezione, il virus rimane latente all’interno dell’organismo per tutta la vita, ma può riattivarsi in caso di indebolimento del sistema immunitario. A rischio particolare per questa infezione risultano pertanto le donne in gravidanza e i soggetti immunodepressi perché affetti da immunodeficienza primaria, sottoposti a chemioterapia o trapianto d’organo, o neonati sottopeso. In queste categorie a rischio sono in genere adottate strategie per la riduzione del rischio trasfusionale quali la leucocitoriduzione o la selezione di emocomponenti sieronegativi per Cmv. Sono stati da poco pubblicati online su Transfusion i risultati di una revisione sistematica della letteratura con metanalisi degli studi per verificare le evidenze a supporto dell’utilizzo della leucoitoriduzione, associata o meno al test sierologico per Cmv, quale strategia di prevenzione delle infezioni trasfusionali da Cmv nelle categorie a rischio.

L’analisi della letteratura ha individuato oltre 450 studi sul tema, dai quali sono stati poi selezionati 11 studi in cui venivano messi a confronto diversi approcci trasfusionali. Le metanalisi effettuate (leucocitoriduzione vs. trasfusioni non testate per Cmv; leucocitoriduzione vs. trasfusioni sieronegative per Cmv; leucocitoriduzione vs. leucocitoriduzione in aggiunta al test per Cmv) non hanno evidenziato significative differenze nelle infezioni da Cmv cliniche o rilevate con i test di laboratorio. Al momento, dunque, non vi sono evidenze a favore di una specifica strategia per ridurre il rischio trasfusionale da Cmv nelle categorie più esposte alle conseguenze di questa infezione.


 

Mainou M, et al.

Reducing the risk of transfusion-transmitted cytomegalovirus infection: a systematic review and meta-analysis.

Transfusion 2016 Jan 29. doi: 10.1111/trf.13478. [Epub ahead of print]

Altre notizie della sezione

ING 33594 07200 153x97 - L'utilità dei tests diagnostici rapidi (RDTs) per il rilevamento degli anticorpi anti il virus dell'Epatite C

23 febbraio 2016

L’utilità dei tests diagnostici rapidi (RDTs) per il rilevamento degli anticorpi anti il virus dell’Epatite C

I tests diagnostici rapidi (RDTS) rappresentano un’alternativa interessante all’enzyme immunoassays attualmente gold standard per l’individuazione degli anticorpi anti HCV. In questo studio sono stati selezionati un totale di 207 pazienti di cui 68 sieronegativi, 10 con l’infezione risolta e 129 con l’infezione attiva. Ad ogni paziente sono stati dosati gli anticorpi anti HCV con l’enzyme […]

lotta hiv Haemosafety 153x97 - È possibile porre fine alla pandemia da HIV?

3 febbraio 2016

È possibile porre fine alla pandemia da HIV?

A questa importantissima domanda prova a rispondere un editoriale pubblicato nel dicembre scorso dal New England Journal of Medicine, a firma del noto immunologo americano Anthony Fauci e della collega Hilary Marston, che commenta la pubblicazione sulla rivista dello studio IPERGAY, di cui potete leggere anche su queste pagine. Nella lotta all’HIV una svolta epocale […]

Foto quotidiani Aeropoporto di Monaco su allarme Zika virus 153x97 - Allarme Zika virus: un’emergenza internazionale di salute pubblica

3 febbraio 2016

Allarme Zika virus: un’emergenza internazionale di salute pubblica

Si amplifica in questi giorni l’allarme per lo Zika virus (ZIKV), definito nella riunione straordinaria di esperti della World Health Organization (WHO) tenuta ieri, 1 febbraio 2016, a Ginevra “un’emergenza internazionale di salute pubblica”. Si assiste, infatti, ad un impressionante incremento del numero di nuovi casi d’infezione da ZIKV e della severità di presentazione clinica […]