workshop Haemosafety 370x280 - Considerazioni sul rischio immunogenico nello switch dei concentrati di fattori della coagulazione

Considerazioni sul rischio immunogenico nello switch dei concentrati di fattori della coagulazione

L’articolo riporta i risultati di un workshop interattivo tra esperti tenuto a Toronto nel 2011 e la successiva elaborazione statistica tramite  un metodo Delphi per valutare il consenso tra esperti su 14 punti di discussione relativi alle possibili situazioni di switching tra differenti concentrati di fattori della coagulazione e il rischio di insorgenza di inibitori in pazienti emofilici già trattati. La conclusione principale è l’auspicio che i pazienti, siano o non siano sottoposti a switching, vengano arruolati in registri prospettici che valutino l’incidenza di inibitore. Inoltre, viene raccomandato che il monitoraggio dell’inibitore sia eseguito almeno prima di uno switching e 2-3 mesi dopo il cambio. In particolare, risalta dal punto 10 come non vi sia una evidenza che suggerisca un aumentato rischio passando da un concentrato plasmaderivato ad uno ricombinante o tra diversi plasmaderivati o ricombinanti tra di loro. L’identificazione della mutazione genetica allo stato attuale risulta utile per la predizione del rischio nei pazienti vergini, ma non nell’identificazione dei  pazienti a rischio nello switching.


 

Switching clotting factor concentrates: considerations in estimating the risk of immunogenicity

MATINO, D. LILLICRAP, J . ASTERMARK, G. DOLAN, C. KESSLER, T. LAMBERT, M. MAKRIS, J. O’DONNELL, S. PIPE, E. SANTAGOSTINO, J.-M. SAINT-REMY, W. SCHRAMM and A. IORIO

 

Altre notizie della sezione

terapia genica Haemosafety 153x97 - La terapia genica come nuova opzione terapeutica per le malattie ad ereditarietà monogenica

14 dicembre 2015

La terapia genica come nuova opzione terapeutica per le malattie ad ereditarietà monogenica

Il punto sullo stato della terapia genica per diverse malattie ad ereditarietà monogenica, con realtà, limiti e promesse per il futuro

soya Haemosafety 153x97 - Il Fosfatidilinositolo della soia contenente nanoparticelle lipidiche prolunga l’emivita e l’attività emostatica del FVIII B-domain deleto nei topi

14 dicembre 2015

Il Fosfatidilinositolo della soia contenente nanoparticelle lipidiche prolunga l’emivita e l’attività emostatica del FVIII B-domain deleto nei topi

Una nuova tecnologia di creazione di un FVIII long-acting, con caratteristiche non dissimili agli attuali in sperimentazione.

novità terapeutiche 153x97 - Novità terapeutiche

16 febbraio 2015

Novità terapeutiche

Negli ultimi anni la terapia dell’emofilia e delle malattie correlate ha conosciuto grandi progressi, tuttavia ulteriori miglioramenti sono attesi grazie alle nuove ricerche e tecnologie…