trial clinico Haemosafety 370x280 - Creutzfeldt Jakob variante e trasfusione di emoderivati: ci sono ulteriori casi?

Creutzfeldt Jakob variante e trasfusione di emoderivati: ci sono ulteriori casi?

Uno studio inglese condotto retrospettivamente su 177 casi di Creutzfeldt Jakob variante (vCJD) diagnosticati nel Regno Unito fino al 1 Febbraio 2014 si prefigge l’obiettivo di valutare la eventuale correlazione della malattia da infezione prionica con la trasfusione di emoderivati. Dei 177 pazienti in studio solo 15 negli anni precedenti avevano ricevuto delle trasfusioni; di 10 di essi erano disponibili i dati relativi a donazioni e donatori; una volta escluso un caso in cui la trasfusione era stata effettuata ad avvenuta comparsa dei sintomi e quindi per certo non responsabile del quadro di vCJD, gli autori ne tengono in considerazione 9. In tre di questi casi viene data per certa la correlazione della vCJD con la trasfusione (in due di essi la diagnosi è avvenuta post mortem), nei 6 casi rimanenti non è stata dimostrabile l’infezione nei donatori e, nei donatori deceduti, la causa della morte, in base alla clinica ed agli esami diagnostici eseguiti, non è in nessun modo correlabile all’ infezione prionica.

Dunque è ammissibile che uno o più casi di vCJD in soggetti emotrasfusi sia da mettere in correlazione con l’infusione di emoderivati benchè l’ infezione non sia stata dimostrata e/o non abbia dato segni clinici nei donatori. Tuttavia tale possibilità appare al momento debole e poco plausibile in considerazione del più cospicuo numero di casi di vCJD in soggetti non emotrasfusi.


 

Vox Sang. 2014 Oct;107(3):220-5.

Variant CJD and blood transfusion: are there additional cases?

Davidson LRLlewelyn CAMackenzie JMHewitt PEWill RG.


 

Altre notizie della sezione

chromatography Haemosafety 153x97 - Lo stato dell’arte sulla rimozione delle proteine prioniche in SD-FFP, con il ricorso alla cromatografia con affinità specifica per i prioni ed il suo impatto sulle caratteristiche emostatiche del prodotto.

1 dicembre 2015

Lo stato dell’arte sulla rimozione delle proteine prioniche in SD-FFP, con il ricorso alla cromatografia con affinità specifica per i prioni ed il suo impatto sulle caratteristiche emostatiche del prodotto.

Un rischio infettivo anche se solo ipotetico persiste in associazione all’uso di plasmaderivati correntemente impiegati nel controllo delle emorragie e dei disordini immunologici ed è riconducibile alle infezioni da prioni ma anche alle donazioni di plasma effettuate nel periodo finestra dell’ infezione ed all’emergenza o alla riemergenza di alcune infezioni virali. Pertanto i processi produttivi […]

albumina haemosafety 153x97 - Capacità di rimozione prionica dei processi produttivi delle proteine plasmatiche: una raccolta dati ottenuta dal PPTA.

17 novembre 2015

Capacità di rimozione prionica dei processi produttivi delle proteine plasmatiche: una raccolta dati ottenuta dal PPTA.

Questo articolo riporta i dati ottenuti da differenti studi circa l’eliminazione prionica nelle singole fasi di produzione, considerate singolarmente o in combinazione, riscontrando, nei singoli step, modalità di rimozione valide ed anche complementari tra loro, con risultati sovrapponibili tra le varie casistiche.

donazione sangue Haemosafety 153x97 - Gestione delle segnalazioni di donatori con infezione da Creutzfeldt-Jakob (informazione acquisita post donazione).

9 novembre 2015

Gestione delle segnalazioni di donatori con infezione da Creutzfeldt-Jakob (informazione acquisita post donazione).

L’adozione di misure di profilassi dell’infezione prionica estremamente restrittive rischia di compromettere  la disponibilità di prodotti emoderivati salvavita per i pazienti, in nome di un  rischio di trasmissione che resta, sulla base delle evidenze scientifiche, soltanto ipotetico. Tuttavia, al fine di preservare il paziente, le autorità impongono alcune accortezze quali il ritiro dei lotti di […]