Dna a quadrupla elica 370x280 - Dimostrazione della trasmissione del parvovirus B19 in pazienti con difetti della coagulazione trattati con concentrati di fattori della coagulazione nell’era degli screening con le tecnologie NAT

Dimostrazione della trasmissione del parvovirus B19 in pazienti con difetti della coagulazione trattati con concentrati di fattori della coagulazione nell’era degli screening con le tecnologie NAT

Questo articolo sottolinea come l’introduzione dello screening per il DNA di parvovirus B19 per i pool di plasma per la preparazione di plasma-derivati,  a partire dal 2000, non sia riuscito a eliminare il rischio di trasmissione di questa infezione virale tramite questi prodotti del sangue. Lo screening prevede che i pool di plasma contenenti  una carica virale superiore ad un valore soglia non vengano utilizzati. Lo studio  sierologico condotto indica che bambini tra 2 e 7 anni trattati solo con plasma-derivati preparati dopo l’introduzione del sistema di screening hanno 1,7 probabilità in più di contrarre l’infezione rispetto a bambini non trattati. Pertanto, lo studio ribadisce la necessità individuare trattamenti di inattivazione virale efficaci sia contro il virus B19 che contro altri virus eventualmente emergenti.

Link

Altri autori   in disaccordo con le tesi sostenute nell’articolo citato  le contestano in una lettera pubblicata sulla stessa rivista (Assenza di dimostrazione di trasmissione del parvovirus B19 tramite concentrati di fattori della coagulazione plasma-derivati ottenuti da plasma testati tramite NAT per parvovirus B19 e comprendenti step efficaci di inattivazione o rimozione di virus non provvisti di envelope)

Link

a cui nuovamente rispondono gli autori dell’articolo ribadendo la validità del loro studio e delle relative conclusioni (Dimostrazione della continua trasmissione di parvovirus B19 in pazienti con difetti della coagulazione trattati con concentrati di fattori della coagulazione

Link

Altre notizie della sezione

c87d467e3908c4c18eacd4b4e1c 153x97 - Emergenza Dengue in Tailandia

18 giugno 2013

Emergenza Dengue in Tailandia

L’infezione da parte del virus Dengue si trasmette tramite un ciclo che coinvolge le zanzare del genere Aedes ed è trasmissibile con il sangue. Dall’inizio del 2013 fino ai primi di giugno sono stati segnalati quasi 40.000 casi di Dengue in Tailandia. La metà dei pazienti affetti sono bambini con età inferiore a 15 anni. […]

Western blot wet transfer system Criterion 03 153x97 - Test su donatori di sangue del Regno Unito per rilevare l'esposizione al parvovirus umano 4 con “time-resolved fluorescence immunoassay (TRFI)” e Western blot come test di conferma sui campioni reattivi.

18 giugno 2013

Test su donatori di sangue del Regno Unito per rilevare l’esposizione al parvovirus umano 4 con “time-resolved fluorescence immunoassay (TRFI)” e Western blot come test di conferma sui campioni reattivi.

Il Parvovirus umano 4 (ParV4) è stato recentemente descritto e identificato quale nuovo membro della famiglia dei Parvoviridae, alla quale appartiene anche Parvovirus B19. Esso è stato rilevato anche in campioni di pool di plasma. Attualmente, le informazioni sul significato clinico delle infezioni da ParV4 sono molto limitate. In uno studio su pazienti emofilici con […]

HCV 153x115 - La terapia combinata sofosbuvir-ribavirina sembra essere promettente per l'epatite C.

2 maggio 2013

La terapia combinata sofosbuvir-ribavirina sembra essere promettente per l’epatite C.

Uno studio recentemente pubblicato sul New England Journal of Medicine evidenzia che combinando sofosbuvir e ribavirina nei pazienti affetti da epatite C che non possono assumere l’interferone si è potuto ottenere un tasso di guarigione del 78% dopo tre mesi di trattamento. Nei pazienti che non rispondono all’interferone, lo studio riporta un tasso di guarigione […]