e 370x280 - Epatite E trasmessa per trasfusione: Screening NAT delle donazioni di sangue e dose infettiva

Epatite E trasmessa per trasfusione: Screening NAT delle donazioni di sangue e dose infettiva

Il rischio e l’importanza delle infezioni da virus dell’epatite E trasmesse tramite trasfusione (TT-HEV) da parte di prodotti del sangue contaminati, è attualmente un argomento discusso e controverso nella medicina trasfusionale. La dose infettiva, in particolare, rimane una quantità sconosciuta. Nel presente studio, si analizza questo aspetto visto dal punto di vista di un Servizio Trasfusionale con più di 2 anni di esperienza nello screening di donatori di sangue di routine HEV. E’ stato esaminato sistematicamente lo stato attuale dei casi attualmente noti di infezioni da TT-HEV e saggi di screening NAT di routine disponibili. La revisione della letteratura ha rivelato una variazione significativa per quanto riguarda la dose infettiva che causa l’epatite E. E’ stato valutato anche il risultato di sei casi confrontati con prodotti ematici contaminati da HEV, identificati dallo screening di HEV-RNA di Minipools mediante metodica RealStar HEV RT-PCR Kit (95% LOD: 4,7 IU / mL), risultata estremamente sensibile. Infine, la distribuzione dell’RNA virale in diversi componenti del sangue [plasma, globuli rossi concentrati (RBC), concentrati piastrinici (PC)] è stata quantificata utilizzando il primo metodo standard internazionale dell’OMS per HEV-RNA per analisi basate su NAT. Nessuno dei sei pazienti che ha ricevuto un emoderivato contaminato da HEV da cinque diversi donatori (donatore 1: RBC, donatore 2-5: APC) ha sviluppato un’infezione acuta da epatite E, molto probabilmente a causa della bassa carica virale presente nel plasma del donatore (<100 UI/mL). E’ stato rilevato inoltre che la distribuzione dell’RNA virale nei componenti del sangue dipende dal contenuto plasmatico dell’emocomponente stesso. Tuttavia, l’RNA-HEV potrebbe essere rilevato negli RBC anche quando sono presenti basse percentuali di plasma virale pari a 100-1000 UI/ml. Studi retrospettivi completi sull’infezione da TT-HEV hanno offerto ulteriori approfondimenti sull’infettività dei prodotti ematici HEV-RNA-positivi. Lo screening con Minipool HEV NAT (96 campioni) di donazioni di sangue dovrebbe essere adeguato come test di screening di routine per identificare donatori con viremia significativa.

Conclusioni: Lo studio ha esaminato sei pazienti che avevano ricevuto un emoderivato contaminato da HEV da cinque diversi donatori (donatore 1: RBC, donatore 2-5: APC). I risultati hanno dimostrato che nessun paziente ha sviluppato un’infezione acuta da epatite E, molto probabilmente a causa della bassa carica virale presente nel plasma del donatore (<100 UI/mL). La sensibilità dell’RNA-HEV è in grado di rilevare negli RBC basse percentuali di viremia nel plasma. Lo screening con Minipool HEV-NAT inoltre è risultato un test estremamente sensibile. Tuttavia a tutt’oggi la minima dose infettiva, in particolare, rimane una quantità ancora sconosciuta.

Test NAT; Donatore di sangue; Sicurezza del sangue; Virus dell’epatite E; Trasfusione-trasmissione.


Front Med (Lausanne). 2018 Feb 1

Transfusion-Transmitted Hepatitis E: NAT Screening of Blood Donations and Infectious Dose

Dreier J, Knabbe C, Vollmer T

Altre notizie della sezione

z 153x97 - Test sperimentali per virus zika tra donatori di sangue negli stati uniti

4 settembre 2018

Test sperimentali per virus zika tra donatori di sangue negli stati uniti

A causa delle potenziali gravi conseguenze cliniche dell’infezione da virus Zika (ZIKV), e le segnalazioni di trasmissione di ZIKV attraverso la trasfusione, nel 2016 il Food e Drug Administration ha rilasciato raccomandazioni per il test degli acidi nucleici delle singole unità per minimizzare il rischio di trasmissione di ZIKV attraverso le trasfusioni di sangue. La […]

e 153x97 - Inizio anticipato della stagione di trasmissione della febbre del Nilo occidentale 2018 in Europa

4 settembre 2018

Inizio anticipato della stagione di trasmissione della febbre del Nilo occidentale 2018 in Europa

In Europa, I sistemi di sorveglianza infettivologica indicano che la stagione di trasmissione della febbre del Nilo nel 2018 è iniziata prima rispetto agli anni precedenti e con un aumento più marcato delle infezioni umane acquisite localmente. Tra il 2014 e il 2017, l’Unione europea / Area economica europea (UE / EEA) e i paesi […]

s 1 153x97 - Prevalenza, incidenza e rischio residuo di virus dell'epatite C e del virus dell'immunodeficienza umana trasmessi per via trasfusionale dopo l'implementazione del test dell'acido nucleico in Italia: un sondaggio di 7 anni (2009-2015)

10 agosto 2018

Prevalenza, incidenza e rischio residuo di virus dell’epatite C e del virus dell’immunodeficienza umana trasmessi per via trasfusionale dopo l’implementazione del test dell’acido nucleico in Italia: un sondaggio di 7 anni (2009-2015)

Abstract BACKGROUND:   In Italia il test dell’acido nucleico (NAT) è diventato obbligatorio per il virus dell’epatite C (HCV) nel 2002 e per il virus dell’immunodeficienza umana (HIV) e dell’epatite B nel 2008. Lo scopo di questo studio era monitorare l’incidenza e la prevalenza delle infezioni da HIV e da HCV nei donatori di sangue […]