trasfusione haemosafety 370x280 - Epatite E trasmessa attraverso la trasfusione di sangue: Screening NAT delle donazioni di sangue e dose infettiva

Epatite E trasmessa attraverso la trasfusione di sangue: Screening NAT delle donazioni di sangue e dose infettiva

Il rischio e l’importanza delle infezioni da virus dell’epatite E trasmesse tramite trasfusione (TT-HEV)  di prodotti del sangue contaminati è attualmente un argomento discusso e controverso nella medicina trasfusionale. La dose infettiva, in particolare, rimane un dato sconosciuto. Nel presente studio, gli autori analizzano questo aspetto dal punto di vista di un servizio trasfusionale  con più di 2 anni di esperienza nello screening di routine per HEV di donatori di sangue.

E’ stato esaminato sistematicamente lo stato attuale dei casi attualmente noti di infezioni da TT-HEV e saggi di screening NAT di routine disponibili. La revisione della letteratura ha rivelato una variazione significativa per quanto riguarda la dose infettiva che causa l’epatite E. Viene presentato  anche l’esito di sei casi confrontati con prodotti ematici contaminati da HEV, identificati dallo screening di HEV RNA di minipools mediante l’estremamente sensibile RealStar HEV RT-PCR Kit (95% LOD: 4,7 IU / mL). Infine, la distribuzione dell’RNA virale in diversi componenti del sangue [plasma, globuli rossi concentrati (RBC), piastrinici concentrati (PC)] è stata quantificata utilizzando il primo standard internazionale dell’OMS per HEV RNA per analisi basate su NAT.

Nessuno dei sei pazienti che hanno ricevuto un prodotto ematico contaminato da HEV da cinque diversi donatori (donatore 1: RBC, donatore 2-5: APC) ha sviluppato un’infezione acuta da epatite E, molto probabilmente a causa della bassa carica virale nel plasma del donatore (<100 UI / mL). Da notare, la distribuzione dell’RNA virale nei componenti del sangue dipende dal contenuto plasmatico del componente; tuttavia, l’RNA HEV potrebbe essere rilevato negli RBC anche quando è presente una bassa carica di plasma virale di 100-1000 UI / ml. Studi retrospettivi completi sull’infezione da TT-HEV hanno offerto ulteriori approfondimenti sull’infettività dei prodotti ematici HEV RNA-positivi. Lo screening di Minipool HEV NAT (96 campioni) di donazioni di sangue dovrebbe essere adeguato come test di screening di routine per identificare donatori viremici elevati e coprirà almeno una buona parte delle fasi viremiche.


Front Med (Lausanne). 2018 Feb 1;5:5..

Transfusion-Transmitted Hepatitis E: NAT Screening of Blood Donations and Infectious Dose.

Dreier J1, Knabbe C1, Vollmer T

Altre notizie della sezione

indonesia 153x97 - Polimorfismi genetici di HLA-DP e ANTI-HBC isolati sono importanti sottogruppi di infezione da epatite B occulta nei donatori di sangue indonesiani

22 gennaio 2018

Polimorfismi genetici di HLA-DP e ANTI-HBC isolati sono importanti sottogruppi di infezione da epatite B occulta nei donatori di sangue indonesiani

L’infezione da epatite B occulta (OBI) è definita come presenza di DNA di virus dell’epatite B (HBV) nel siero e/o nel fegato in individui HBsAg-negativi. L’OBI è associato al rischio di trasmissione virale, specialmente nei paesi in via di sviluppo rappresentando una patologia epatica ad evoluzione progressiva e in alcuni casi con riattivazione in pazienti […]

encefalite 153x97 - Il virus dell'encefalite di St. Louis può essere trasmesso attraverso trasfusioni di sangue. Arizona, 2015

20 gennaio 2018

Il virus dell’encefalite di St. Louis può essere trasmesso attraverso trasfusioni di sangue. Arizona, 2015

Il virus dell’encefalite di St. Louis è un flavivirus trasmesso dalle zanzare che non frequentemente causa infezioni epidemiche del sistema nervoso centrale. Negli Stati Uniti, i donatori di sangue non sono sottoposti a screening per l’infezione da virus dell’encefalite di St. Louis e la trasmissione tramite trasfusione di sangue non è stata mai documentata. Tuttavia […]

pakistan 153x97 - Rilevazione di mutanti HBsAg nella popolazione di donatori di sangue del Pakistan

18 gennaio 2018

Rilevazione di mutanti HBsAg nella popolazione di donatori di sangue del Pakistan

L’infezione da virus dell’epatite B (HBV) continua ad essere uno dei principali problemi sanitari in Pakistan, colpendo oltre 6 milioni di persone. In Pakistan, lo screening HBV nella maggior parte delle banche del sangue viene eseguito mediante dispositivi di rilevamento rapido o test ELISA. Questi test sono progettati per rilevare l’HBsAg, ma potrebbero non rilevare […]