28043 460963583938959 1537004842 n 370x280 - Epidemia di epatite A anche negli Stati Uniti

Epidemia di epatite A anche negli Stati Uniti

La Federal Drug Administration (FDA) indaga su 49 casi di epatite A diagnosticati, fino al 4 giugno 2013, in Arizona, California, Colorado, Hawaii, New Mexico, Nevada e Utah.

Imputata una miscela di frutti di bosco congelati contenenti semi di melograno venduta per le proprietà antiossidanti.

Altre notizie della sezione

Western blot wet transfer system Criterion 03 153x97 - Test su donatori di sangue del Regno Unito per rilevare l'esposizione al parvovirus umano 4 con “time-resolved fluorescence immunoassay (TRFI)” e Western blot come test di conferma sui campioni reattivi.

18 giugno 2013

Test su donatori di sangue del Regno Unito per rilevare l’esposizione al parvovirus umano 4 con “time-resolved fluorescence immunoassay (TRFI)” e Western blot come test di conferma sui campioni reattivi.

Il Parvovirus umano 4 (ParV4) è stato recentemente descritto e identificato quale nuovo membro della famiglia dei Parvoviridae, alla quale appartiene anche Parvovirus B19. Esso è stato rilevato anche in campioni di pool di plasma. Attualmente, le informazioni sul significato clinico delle infezioni da ParV4 sono molto limitate. In uno studio su pazienti emofilici con […]

HCV 153x115 - La terapia combinata sofosbuvir-ribavirina sembra essere promettente per l'epatite C.

2 maggio 2013

La terapia combinata sofosbuvir-ribavirina sembra essere promettente per l’epatite C.

Uno studio recentemente pubblicato sul New England Journal of Medicine evidenzia che combinando sofosbuvir e ribavirina nei pazienti affetti da epatite C che non possono assumere l’interferone si è potuto ottenere un tasso di guarigione del 78% dopo tre mesi di trattamento. Nei pazienti che non rispondono all’interferone, lo studio riporta un tasso di guarigione […]

OMSlogo thumb 153x115 - Il sistema di allerta rapido internazionale e la prevenzione della diffusione degli agenti patogeni emergenti.

1 maggio 2013

Il sistema di allerta rapido internazionale e la prevenzione della diffusione degli agenti patogeni emergenti.

Gli operatori sanitari e i ricercatori hanno oggi maggiori capacità di identificare rapidamente gli agenti patogeni, isolare i pazienti sospettati di essere infetti, prevenire la trasmissione delle malattie tra diversi paesi e di condividere le informazioni tra i vari stati grazie alle modifiche normative apportate dalla Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) dopo l’epidemia di SARS […]