Il presidente del Consiglio dei ministri, Mario Monti, ha nominato il dottor Fabrizio Oleari presidente dell'Istituto Superiore di Sanità

Nomine all’Istituto Superiore di Sanità

Il presidente del Consiglio dei ministri, Mario Monti, ha nominato il dottor Fabrizio Oleari presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, il principale organo tecnico scientifico del Servizio Sanitario Nazionale.

Oleari sostituisce Enrico Garaci.

Fabrizio Oleari, 63 anni, è stato finora capo del dipartimento della Sanità pubblica e dell’Innovazione del Ministero della Salute.

La nomina è avvenuta su proposta del ministro della Salute, Renato Balduzzi.

Altre notizie della sezione

HCV 153x115 - La terapia combinata sofosbuvir-ribavirina sembra essere promettente per l'epatite C.

2 maggio 2013

La terapia combinata sofosbuvir-ribavirina sembra essere promettente per l’epatite C.

Uno studio recentemente pubblicato sul New England Journal of Medicine evidenzia che combinando sofosbuvir e ribavirina nei pazienti affetti da epatite C che non possono assumere l’interferone si è potuto ottenere un tasso di guarigione del 78% dopo tre mesi di trattamento. Nei pazienti che non rispondono all’interferone, lo studio riporta un tasso di guarigione […]

OMSlogo thumb 153x115 - Il sistema di allerta rapido internazionale e la prevenzione della diffusione degli agenti patogeni emergenti.

1 maggio 2013

Il sistema di allerta rapido internazionale e la prevenzione della diffusione degli agenti patogeni emergenti.

Gli operatori sanitari e i ricercatori hanno oggi maggiori capacità di identificare rapidamente gli agenti patogeni, isolare i pazienti sospettati di essere infetti, prevenire la trasmissione delle malattie tra diversi paesi e di condividere le informazioni tra i vari stati grazie alle modifiche normative apportate dalla Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) dopo l’epidemia di SARS […]

transfusion 153x115 - Infezioni da epatite B, epatite C e HIV trasmesse per via trasfusionale nel XXI secolo

24 aprile 2013

Infezioni da epatite B, epatite C e HIV trasmesse per via trasfusionale nel XXI secolo

Una review pubblicata su Vox sanguinis nel 2011 fa il punto sul rischio residuo di infezione con questi virus in ambito trasfusionale.