EU flag 370x280 - Dati aggiornati sulla prevalenza dell’infezione da HBV e HCV nei paesi della Comunità Europea

Dati aggiornati sulla prevalenza dell’infezione da HBV e HCV nei paesi della Comunità Europea

Un gruppo di ricercatori olandesi, in collaborazione con l’European Centre for Disease Prevention and Control, ha di recente pubblicato una revisione della letteratura per aggiornare i dati di prevalenza dell’infezione da virus epatitici B e C (HBV e HCV) nei paesi della Comunità Europea (CE). Hanno pertanto preso in esame gli studi pubblicati tra il 2005 ed il 2015 riportanti la prevalenza di HBsAg e anticorpi anti-HCV nella popolazione generale, nei donatori di sangue o nelle donne gravide.

Sono risultati disponibili dati su 13 nazioni, sia per HBV che per HCV, come rappresentato nella Figura. La prevalenza di HBsAg si attesta tra lo 0.1% e il 4.4%, con una stima complessiva per la CE di 0.9% (95% CI 0.7-1.2), corrispondente a 4.7 milioni di casi. Per l’HCV, la prevalenza varia tra 0.1% e 5.9%, che porta ad una stima globale dell’1.1% (95% CI 0·9-1·4), pari a circa 5.6 milioni di soggetti anti-HCV-positivi nella CE. Pur emergendo un’ampia variabilità tra le diverse nazioni, nel complesso la prevalenza di HBV e HCV risulta bassa nella CE, rispetto ad altre regioni del mondo.

Si rileva in molti paesi una tendenza a riduzione della prevalenza di HBV grazie ai programmi di prevenzione primaria (screening antenatale e vaccinazione), mentre il lieve incremento registrato in alcuni casi è probabilmente legato ai movimenti migratori. Per l’HCV si rilevano dati in incremento, in particolare per i paesi dell’Europa Meridionale e Orientale. In questo caso sembra però trattarsi per lo più di una maggiore accuratezza degli studi relativi a queste nazioni.

map - Dati aggiornati sulla prevalenza dell’infezione da HBV e HCV nei paesi della Comunità Europea

Figura: Differente prevalenza di HBsAg (sinistra) e anti-HCV (destra) nella popolazione generale adulta dei paesi della Comunità Europea secondo gli studi pubblicati tra il 2005 e 2015.


Epidemiol Infect. 2017;145(14):2873-2885. doi: 10.1017/S0950268817001947.

Current prevalence of chronic hepatitis B and C virus infection in the general population, blood donors and pregnant women in the EU/EEA: a systematic review.

Hofstraat SHI, Falla AM, Duffell EF, Hahné SJM, Amato-Gauci AJ, Veldhuijzen IK, Tavoschi L.

Altre notizie della sezione

Africa subsahariana 153x97 - Infezione da pegivirus umano (HPgV) nell'Africa sub-sahariana: una richiesta per un nuovo programma di ricerca

7 dicembre 2017

Infezione da pegivirus umano (HPgV) nell’Africa sub-sahariana: una richiesta per un nuovo programma di ricerca

Il virus umano pegivirus (HPgV) -formerly GB-C ha un impatto positivo sulla progressione della malattia da HIV che è stata descritta in più studi. Data l’elevata prevalenza dell’HIV nell’Africa sub-sahariana e la continua necessità di sopprimere la replicazione dell’HIV, questa revisione fornisce una panoramica completa dei dati esistenti sull’infezione da HPgV nell’Africa sub-sahariana, con particolare […]

nuovi farmaci antivirali 153x97 - Nuovi dati sui farmaci antivirali diretti (elbasvir/grazoprevir) nel trattamento dell’infezione da HCV nei pazienti con coagulopatie congenite

15 novembre 2017

Nuovi dati sui farmaci antivirali diretti (elbasvir/grazoprevir) nel trattamento dell’infezione da HCV nei pazienti con coagulopatie congenite

Prosegue la pubblicazione di studi di efficacia e sicurezza dei nuovi agenti antivirali diretti per la terapie dell’infezione da HCV in pazienti affetti da emofilia ed altre patologie emorragiche congenite, in cui la co-morbilità epatitica ha rappresentato la complicanza del trattamento con emocomponenti o emoderivati non virus-inattivati prima del 1985. Tali pazienti sono per la […]

Chikungunya test 153x97 - Dieci anni dall'ultimo focolaio di Chikungunya in Italia: la storia si ripete

10 novembre 2017

Dieci anni dall’ultimo focolaio di Chikungunya in Italia: la storia si ripete

La prevalenza di infezioni da Arbovirus (infezione da artropodi) è in aumento in tutto il mondo. Recentemente, nuovi cluster di casi autoctoni sono stati segnalati in paesi con climi temperati dove è presente il vettore competente. Questo scenario rappresenta una nuova minaccia per la medicina trasfusionale. La recente diffusione del virus Zika, nuovi focolai di […]