vaiggiatore 370x280 - Nessuna prova molecolare o serologica dell'infezione da Zika virus tra donatori di sangue sani che vivono o che viaggiano nelle regioni in cui si ha elevata presenza di zanzare del genere Aedes Albopictus (zanzara tigre)

Nessuna prova molecolare o serologica dell’infezione da Zika virus tra donatori di sangue sani che vivono o che viaggiano nelle regioni in cui si ha elevata presenza di zanzare del genere Aedes Albopictus (zanzara tigre)

Date le devastanti complicanze, le anomalie fetali gravi e la polineuropatia periferica  autoimmune causata dall’infezione da Zika virus (ZKV), questa è stata dichiarata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) emergenza sanitaria globale.Vettore dell’infezione da ZKV sono le zanzare soprattutto del genere Aedes. Oltre alla più nota Aedes Aegypti frequente nelle regioni equatoriali e sub-equatoriali anche la più comune e presente alle nostre latitudini Aedes Albopticus (zanzara tigre) è stata identificata come causa di trasmissione di ZKV.

Questo studio è stato condotto nel periodo Agosto-Novembre 2016 su una popolazione di donatori di sangue austriaci, sani, di età compresa tra i 18 e i 65 anni, che negli otto mesi precedente l’inclusione avevano condotto viaggi in Paesi Europei ed extra-Europei endemici per la presenza della zanzara tigre e che quindi potevano risultare accidentalmente infetti dal ZKV.

Indagini sierologiche e biomolecolari sono state eseguite su 1001 soggetti. Sono state inoltre raccolte informazioni riguardanti eventuali vaccinazioni per TBE virus, febbre gialla e virus dell’encefalite giapponese.

Tre donatori sono risultati positivi alla ricerca anticorpale IgM, mentre uno alle IgG. Nessun soggetto è comunque risultato positivo ad una successiva ricerca virale diretta.

Dallo studio è quindi emerso che nonostante la Aedes Albopictus sia una zanzara molto diffusa nelle regioni dell’Europa Meridionale (Italia, Grecia, Croazia), e nonostante sia stata ritenuta vettrice dell’infezione da ZKV, la mancanza di donatori risultati infetti alle indagini sierologiche e molecolari non sembra evidenziare una priorità per i Paesi Europei all’implementazione di esami atti a rintracciare precocemente la presenza di questo virus.


PLoS One. 2017 May 24;12(5):e0178175

No molecular or serological evidence of Zikavirus infection among healthy blood donors living in or travelling to regions where Aedes albopictus circulates

Borena W, Hofer T, Stiasny K, Aberle SW, Gaber M, von Laer D, Schennach H

Altre notizie della sezione

nanotecnologie zika 153x97 - Una piattaforma nanotecnologica per la diagnosi di infezione da Zika Virus

16 marzo 2017

Una piattaforma nanotecnologica per la diagnosi di infezione da Zika Virus

La diffusione dell’infezione da Zika Virus (ZIKV) in aree endemiche e con modalità di trasmissione e sintomatologia praticamente sovrapponibili a quelle del virus Dengue rende importante una adeguata diagnosi differenziale e la corretta identificazione dell’agente virale, per le potenziali temibili complicanze neurologiche e fetali (vedi articoli 30 marzo, 4 maggio, 13 giugno, 2 agosto, 12 […]

Zika 153x97 - La virus inattivazione dei plasma-derivati è efficace contro lo Zika virus

16 gennaio 2017

La virus inattivazione dei plasma-derivati è efficace contro lo Zika virus

Nel 2016 l’infezione da Zika virus (ZIKV) è stata proclamata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) emergenza sanitaria di interesse internazionale, solo di recente dichiarata cessata (vedi articolo 7 dicembre 2016 in questa sezione). In relazione alla trasmissione di questo virus attraverso il sangue, grande attenzione è stata posta al rischio trasfusionale e alla potenziale contaminazione […]

zika virus emergenza finita 153x97 - L’OMS ha dichiarato finita l’emergenza internazionale Zika

7 dicembre 2016

L’OMS ha dichiarato finita l’emergenza internazionale Zika

Dopo un’allerta durato 9 mesi, nei giorni scorsi l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato che l’infezione da Zika virus non costituisce più un’emergenza internazionale. La stessa OMS ha però sottolineato che questo virus, associato all’insorgenza di gravi patologie neurologiche, in particolare fetali (vedi articoli in questa sezione del 30 marzo, 4 maggio e 13 […]