Turdus merula 370x280 - La diffusione di diverse varianti di Usutu Virus nell’Europa Occidentale nel 2016

La diffusione di diverse varianti di Usutu Virus nell’Europa Occidentale nel 2016

Il virus Usutu (USUV) è un flavivirus isolato per la prima volta in Sudafrica nel 1959 nel mosquito Culex neavei ed emerso in Europa nel 1996 quale causa del decesso di merli della specie Turdus merula in Italia. La trasmissione sembra essere favorita da specifiche condizioni di temperatura da un lato favorevoli alla riproduzione del vettore (mosquito) e dall’altro necessarie ad abbreviare il periodo di incubazione del virus nel vettore.

Nel 2009 sono stati riportati i primi casi di severa encefalite umana dovuta al virus USUV, verificatisi in Italia, a carico di due soggetti immunocompromessi; essi hanno rappresentato la prima dimostrazione di una possibile zoonosi da USUV.

Nell’estate del 2016 in diversi Paesi Europei è stata riportata una ampia diffusione del virus USUV, di varie specie, sulla base della sorveglianza ornitologica. Tale epidemia ha richiamato l’attenzione sulle potenziali implicazioni dell’infezione da USUV sulla sanità pubblica.

E’ necessaria una maggiore conoscenza dei fattori ecologici ed epidemiologici che favoriscono l’emergenza e la riemergenza di questo arbovirus al fine di definire le misure di profilassi adeguate.  Autorità Sanitarie , Servizi trasfusionali e Clinici che operano in quei Paesi, Italia compresa, in cui il virus è stato identificato devono essere consapevoli del rischio della possibile infezione nell’uomo. Il recente riscontro di infezioni umane da USUV nel Norditalia rende necessari l’inclusione di tale zoonosi nella diagnostica differenziale delle encefaliti da causa non identificata ed il dibattito tra le Autorità politiche al fine di affrontare le questioni relativ alla sicurezza degli emoderivati e alla conservazione della fauna.


Euro Surveill. 2017 Jan 26;22(4).

Widespread activity of multiple lineages of Usutu virus, western Europe, 2016.

Cadar D, Lühken R, van der Jeugd H, Garigliany M, Ziegler U, Keller M, Lahoreau J, Lachmann L, Becker N, Kik M, Oude Munnink BB, Bosch S, Tannich E, Linden A, Schmidt V, Koopmans MP, Rijks J, Desmecht D, Groschup MH, Reusken C, Schmidt-Chanasit J.

Altre notizie della sezione

australia 153x97 - Gli attuali test di screening sul sangue sono in grado di determinare diversi ceppi virali, compresi i più virulenti  di  West Nile virus

7 dicembre 2016

Gli attuali test di screening sul sangue sono in grado di determinare diversi ceppi virali, compresi i più virulenti di West Nile virus

Il virus West Nile (WNV) può essere trasmesso attraverso la trasfusione di emoderivati e può diventare una minaccia per la sicurezza trasfusionale. In particolare, il ceppo WNV Kunjin (WNVKUN) è endemico in Australia; anche se l’infezione umana è poco frequente e spesso associata a lieve sintomatologia. Una ceppo virulento, simile al WNVKUN e chiamato WNVNSW2011, […]

mappa nigeria 153x97 - Febbre della Rift Valley (RFV)

15 novembre 2016

Febbre della Rift Valley (RFV)

In una recente pubblicazione da parte dell’European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC) intitolata “Rapid risk assessment: Outbreak of Rift Valley fever in Niger – Risk for the European Union Outbreak of Rift Valley fever in Niger Risk for the European Union”, viene riportata la segnalazione di una attuale epidemia di Febbre della Rift […]

photo 153x97 - Proroga della prevenzione dell’infezione da virus West Nile da parte del Centro Nazionale Sangue

15 novembre 2016

Proroga della prevenzione dell’infezione da virus West Nile da parte del Centro Nazionale Sangue

In una recente nota, il Centro Nazionale Sangue (CNS), ente facente parte del Ministero della Salute, ha disposto la proroga dei provvedimenti finalizzati alla prevenzione della trasmissione del virus West Nile mediante la trasfusione di emocomponenti al 30 novembre 2016. Tale disposizione si è resa necessaria a causa delle particolari condizioni climatiche e dell’andamento epidemiologico […]