HCV 370x280 - La terapia combinata sofosbuvir-ribavirina sembra essere promettente per l'epatite C.

La terapia combinata sofosbuvir-ribavirina sembra essere promettente per l’epatite C.

Uno studio recentemente pubblicato sul New England Journal of Medicine evidenzia che combinando sofosbuvir e ribavirina nei pazienti affetti da epatite C che non possono assumere l’interferone si è potuto ottenere un tasso di guarigione del 78% dopo tre mesi di trattamento.

Nei pazienti che non rispondono all’interferone, lo studio riporta un tasso di guarigione del 73% dopo quattro mesi di trattamento con la combinazione di due farmaci.

Link a PubMed

In un altro studio recentemente pubblicato sul New England Journal of Medicine sono stati invece valutati pazienti non precedentemente trattati e affetti da epatite C da virus di genotipo 2 o 3, il genotipo più difficile da trattare.

I pazienti sono stati assegnati in modo randomizzato a ricevere o sofosbuvir e ribavirina per 12 settimane o ribavirina e interferone per 24 settimane.

I tassi di guarigione sono stati simili per entrambe le terapie: il 67%.

Link a PubMed

Altre notizie della sezione

transfusion 153x115 - Infezioni da epatite B, epatite C e HIV trasmesse per via trasfusionale nel XXI secolo

24 aprile 2013

Infezioni da epatite B, epatite C e HIV trasmesse per via trasfusionale nel XXI secolo

Una review pubblicata su Vox sanguinis nel 2011 fa il punto sul rischio residuo di infezione con questi virus in ambito trasfusionale.

dengue 153x115 - Dengue: una malattia potenzialmente trasmissibile tramite trasfusioni

24 aprile 2013

Dengue: una malattia potenzialmente trasmissibile tramite trasfusioni

Un editoriale interessante e completo sul virus Dengue e il rischio di trasmissione in ambito trasfusionale, pubblicato su Transfusion nell’agosto 2011.

Parvovirus.jpg0fe10692 78ba 4cf0 9a76 d916da98b471Larger 153x115 - Caratteristiche virologiche e cliniche dell’infezione primaria da parvovirus PARV4 in soggetti emofilici: frequente trasmissione da parte di concentrati di fattori della coagulazione sottoposti a trattamenti di inattivazione virale.

24 aprile 2013

Caratteristiche virologiche e cliniche dell’infezione primaria da parvovirus PARV4 in soggetti emofilici: frequente trasmissione da parte di concentrati di fattori della coagulazione sottoposti a trattamenti di inattivazione virale.

Si tratta di uno studio condotto in Inghilterra su 195 emofilici seguiti per 5 anni e pubblicato su Transfusion nel 2012 che ha consentito di calcolare il tasso di sieroconversione all’anno e la durata della viremia nei pazienti infettati. Le principali manifestazioni cliniche riportate sono rappresentate da esantemi e esacerbazioni di epatite. Gli stessi autori […]