macaco Haemosafety 370x280 - La trasmissione della scrapie ai primati dopo un prolungato periodo di incubazione silente.

La trasmissione della scrapie ai primati dopo un prolungato periodo di incubazione silente.

L’encefalopatia spongiforme bovina (BSE) è stata a lungo considerata come l’unica patologia zoonotica causata da prioni, assumendo nell’uomo la forma di Creutzfelt Jakob (CJD).

Come recentemente dimostrato dalla possibilità di trasmissione al topo umanizzato, il potenziale zoonotico della scrapie potrebbe essere assimilabile a quello della encefalopatia spongiforme bovina. Gli autori riportano la diretta trasmissione di un caso di scrapie classica al macaco, un modello per le patologie umane da prioni, dopo un periodo piuttosto prolungato, di circa 10 anni, di incubazione silente. Sono necessari studi sulla trasmissibilità nel lungo periodo al fine di definire il potenziale zoonotico di altre patologie da prioni.


 

Sci Rep. 2015 Jun 30;5:11573.

Transmission of scrapie prions to primate after an extended silent incubation period.

Comoy EE1Mikol J1Luccantoni-Freire S1Correia E1Lescoutra-Etchegaray N1Durand V1Dehen C1Andreoletti O2Casalone C3Richt JA4Greenlee JJ4,Baron T5Benestad SL6Brown P1Deslys JP1.

Altre notizie della sezione

Encefalopatia Spongiforme Bovina 153x97 - La gestione Canadese dell’Encefalopatia Spongiforme Bovina in una prospettiva storica e scientifica, periodo 1990-2014

3 dicembre 2015

La gestione Canadese dell’Encefalopatia Spongiforme Bovina in una prospettiva storica e scientifica, periodo 1990-2014

Le politiche sanitarie Canadesi hanno per molto tempo ignorato la rilevanza dell’encefalopatia spongiforme bovina (BSE), considerandola esclusivamente come un quadro di interesse veterinario e trascurando in  qualche modo la rilevanza che l’infezione prionica assume quando trasmessa all’uomo, nel quale è responsabile della malattia di Creutzfeldt-Jakob. La gestione del problema è pertanto spesso risultata incompleta e […]

chromatography Haemosafety 153x97 - Lo stato dell’arte sulla rimozione delle proteine prioniche in SD-FFP, con il ricorso alla cromatografia con affinità specifica per i prioni ed il suo impatto sulle caratteristiche emostatiche del prodotto.

1 dicembre 2015

Lo stato dell’arte sulla rimozione delle proteine prioniche in SD-FFP, con il ricorso alla cromatografia con affinità specifica per i prioni ed il suo impatto sulle caratteristiche emostatiche del prodotto.

Un rischio infettivo anche se solo ipotetico persiste in associazione all’uso di plasmaderivati correntemente impiegati nel controllo delle emorragie e dei disordini immunologici ed è riconducibile alle infezioni da prioni ma anche alle donazioni di plasma effettuate nel periodo finestra dell’ infezione ed all’emergenza o alla riemergenza di alcune infezioni virali. Pertanto i processi produttivi […]

albumina haemosafety 153x97 - Capacità di rimozione prionica dei processi produttivi delle proteine plasmatiche: una raccolta dati ottenuta dal PPTA.

17 novembre 2015

Capacità di rimozione prionica dei processi produttivi delle proteine plasmatiche: una raccolta dati ottenuta dal PPTA.

Questo articolo riporta i dati ottenuti da differenti studi circa l’eliminazione prionica nelle singole fasi di produzione, considerate singolarmente o in combinazione, riscontrando, nei singoli step, modalità di rimozione valide ed anche complementari tra loro, con risultati sovrapponibili tra le varie casistiche.