l’individuazione del virus dell’epatite C (HCV) anticorpo specifico-core è indicativo di un’infezione da HCV occulta tra i donatori di sangue

La sicurezza di una trasfusione di sangue si basa sullo screening dei donatori affidabile per infezioni trasmissibili come l’infezione da virus dell’epatite C (HCV).

Una serie di anticorpi HCV core-specifico è stato analizzato  casualmente su singole donazioni di donatori di sangue che per la prima volta sono risultati negativi per anti-HCV e HCV RNA sullo screening di routine.

RISULTATI:

Quarantadue donazioni (2,1%) visualizzati reattività nella serie di prova. La specificità della reattività è stata valutata mediante un saggio di inibizione peptide e testate contro ulteriori epitopi peptidici nucleo HCV non sovrapposte ed altri antigeni HCV sono stati testati su questi campioni. Sei donazioni (14,3%; 0,30% dal totale) sono state considerate per contenere anti-HCV dopo tale test supplementare. Il rilevamento RNA di HCV è stata effettuata anche nelle cellule periferiche mononucleate del sangue (PBMNCs) e campioni di siero o plasma da donatori reattivi dopo la concentrazione di virus da ultracentrifugazione. L’HCV RNA è risultata negativa in tutti i campioni PBMNCs, e una bassissima quantità di genoma virale è stata rilevata nel siero o plasma e si concentra da tre donatori anti-HCV nucleo-reattiva (7,1%), ma non tra i concentrati provenienti da 100 donatori non reattivi selezionati in modo casuale.

CONCLUSIONE:

Questi risultati dimostrano la presenza di infezione da HCV occulta tra questi donatori di sangue e rappresenta un rischio di infezione per tali donazioni. Gli studi futuri che coinvolgono grandi campioni di donazioni da donatori rintracciabili avrebbero lo scopo di  chiarire il significato di questi risultati per la sicurezza virale delle scorte di sangue.


Transfusion. 2016 Jul;56(7):1883-90. doi: 10.1111/trf.13645. Epub 2016 May 17.

Detection of hepatitis C virus (HCV) core-specific antibody suggests occult HCV infection among blood donors.

Quiroga JA1, Avellón A2, Bartolomé J1, Andréu M3, Flores E4, González MI5, González R3, Pérez S5, Richart LA4, Castillo I1, Alcover J6, Palacios R6, Carreño V1, Echevarría JM2.

Altre notizie della sezione

19 giugno 2017

Analisi filogenetica di un focolaio di epatite A trasmessa per trasfusione

Un focolaio di epatite A associato a trasfusione di sangue è stato trovato inizialmente in Ungheria. L’epidemia ha coinvolto cinque casi. La trasmissione parenterale di epatite A è rara, ma può verificarsi durante il periodo della viremia. E’ stato eseguito il sequenziamento diretto dei prodotti con PCR  e tutti i campioni esaminati erano identici nella […]

19 giugno 2017

Screening dei donatori di sangue per il West Nile Virus in oklahoma e il suo contributo nella sorveglianza della malattia

Alla fondatezza della rilevazione che il virus del Nilo occidentale (WNV) è trasmissibile per trasfusione, il test degli acidi nucleici  (NAT) avviato nel 2003 è diventato prova universale per i donatori di sangue. Una revisione retrospettiva dei dati relativi ai donatori di sangue 2003-2013 e dei dati di sorveglianza della salute pubblica in Oklahoma è […]

11 aprile 2017

Infezione del virus dell’epatite e nella popolazione dei donatori di sangue irlandese

L’infezione dal virus dell’ epatite E (HEV) genotipo 3 (G3) è una zoonosi che può essere trasmessa durante la trasfusione. Lo scopo di questo studio è di determinare l’incidenza di HEV e sieroprevalenza tra i donatori di sangue irlandesi. Sono stati testati circa un 26.000 campioni anonimi di donazioni raccolte nell’arco temporale tra il 2012 […]