02I21224 370x280 - La trasmissione di malattie neurodegenerative attraverso la trasfusione di sangue: uno studio di coorte.

La trasmissione di malattie neurodegenerative attraverso la trasfusione di sangue: uno studio di coorte.

L’aggregazione di  mutazioni di proteine nel cervello avviene in diverse malattie neurodegenerative. L’aggregazione di proteine aberranti è inducibile in roditori e primati di inoculazione intracerebrale. La possibile trasmissione  nelle trasfusione di malattie neurodegenerative ha importanti implicazioni per la salute pubblica.

Per studiare la possibile trasmissione trasfusione di patologie neurodegenerative. Lo studio fa riferimento ai registri nazionale delle trasfusioni di Svezia e Danimarca.

I partecipanti sono stati 1. 465 845,tutti pazienti che hanno ricevuto trasfusioni tra il 1968 e il 2012.

Sono stati utilizzati modelli di regressione multivariata di Cox per stimare l’indice di rischio per la demenza di qualsiasi tipo, malattia di Alzheimer e il morbo di Parkinson nei pazienti che ricevono trasfusioni di sangue da donatori che successivamente sono stati diagnosticati con una qualsiasi di queste malattie rispetto ai pazienti che hanno ricevuto il sangue da donatori sani. E’ stato valutato l’eccesso  di insorgenza di malattie neurodegenerative che si è verificato tra i destinatari di sangue da un sottoinsieme di donatori. Come controllo positivo, è stata valutata la trasmissione di epatite cronica prima e dopo l’implementazione dello screening virus dell’epatite C

Tra i pazienti inclusi, il 2,9% ha ricevuto una trasfusione da un donatore con diagnosi di una delle malattie neurodegenerative studiate. Il rapporto di rischio per la demenza nei riceventi il  sangue da donatori con demenza rispetto ai destinatari di sangue da donatori sani è stata dell’1,04 (95%CI, 0,99-1,09). Corrispondenti stime per la malattia di Alzheimer e il morbo di Parkinson erano rispettivamente 0,99 (CI, 0,85-1,15) e 0,94 (CI, 0,78-1,14). La trasmissione dell’epatite è stata rilevata prima, ma non dopo l’implementazione di uno screening del virus dell’epatite C.

I dati dello studio forniscono la  prova della trasmissione di malattie neurodegenerative anche se la trasmissione si verifica raramente.


Ann Intern Med. 2016 Jun 28. doi: 10.7326/M15-2421. [Epub ahead of print]

Transmission of Neurodegenerative Disorders Through Blood Transfusion: A Cohort Study.

Edgren G, Hjalgrim H, Rostgaard K, Lambert P, Wikman A, Norda R, Titlestad KE, Erikstrup C, Ullum H, Melbye M, Busch MP, Nyrén O.

Altre notizie della sezione

ISS 6411 01618 153x97 - Alta prevalenza di anticorpi anti-epatite e tra i donatori di sangue nel centro Italia. Da febbraio a marzo 2014

19 settembre 2016

Alta prevalenza di anticorpi anti-epatite e tra i donatori di sangue nel centro Italia. Da febbraio a marzo 2014

La prevalenza di anticorpi anti-epatite E (HEV) è molto variabile nei paesi sviluppati, a causa soprattutto di differenze nella sensibilità del test. Utilizzando test sensibili validati, sono stati testati 313 donatori di sangue  nel centro Italia nei primi mesi del 2014 per anti-HEV IgG e IgM e HEV RNA. Mangiare alcuni alimenti di origine suina […]

fogging 153x97 - Potenziale evolutivo del periodo di incubazione estrinseca del virus dengue da Aedes aegypti

15 settembre 2016

Potenziale evolutivo del periodo di incubazione estrinseca del virus dengue da Aedes aegypti

La Dengue, (febbre dengue) è una malattia arbovirale più comune in tutto il mondo. E ‘causata da virus dengue (DENV) e la zanzara Aedes aegypti è il suo vettore primario. Uno dei più potenti requisiti della capacità di una zanzara di trasmettere il DENV è la lunghezza del periodo di incubazione estrinseca (EIP), ossia il […]

database 1 153x97 - Sviluppo di un database multisistema di sorveglianza per le infezioni trasmesse per trasfusione tra i donatori di sangue negli stati uniti

13 settembre 2016

Sviluppo di un database multisistema di sorveglianza per le infezioni trasmesse per trasfusione tra i donatori di sangue negli stati uniti

La frequenza dei risultati dei test positivi per le infezioni trasmesse per trasfusione (TTIs) tra i donatori di sangue è un indice importante della sicurezza; un adeguato monitoraggio è fondamentale, in particolare quando ci sono cambiamenti nelle procedure che interessano l’idoneità del donatore. Sono stati esaminati tre sistemi di grandi dimensioni di sorveglianza del sangue […]