e 2 370x280 - Mancanza di prove per la trasmissione del virus dell'epatite e mediante concentrati di fattori di coagulazione basati su dati di sieroprevalenza

Mancanza di prove per la trasmissione del virus dell’epatite e mediante concentrati di fattori di coagulazione basati su dati di sieroprevalenza

Sicurezza nella terapia sostitutiva, farmacovigilanza ed emovigilanza.

Si è voluto fare chiarezza sulla possibile trasmissione dell’infezione da virus dell’epatite E (HEV) nei concentrati dei fattori di coagulazione.  Lo studio si è servito di campioni archiviati di donatori di sangue intero e pazienti che avevano ricevuto concentrati di fattore di coagulazione e sono stati studiati per la presenza di IgG anti-HEV mediante ELISA. Il  metodo western blotting è stato utilizzato per confermare i campioni positivi che hanno mostrato reattività nell’ELISA. RISULTATI: Di 357 donatori di sangue, 68 (19%) presentavano anticorpi IgG contro HEV. Due dei 92 pazienti che avevano ricevuto concentrati con fattore di coagulazione (2-2%) e 1 dei 69 pazienti che avevano ricevuto prodotti derivati ​​dal plasma (1-5%) sono risultati positivi per IgG anti-HEV. La siero-prevalenza di HEV nel gruppo di pazienti era significativamente inferiore (P = 0-038) rispetto a quella nel gruppo di donatori. I due pazienti positivi erano un uomo di 72 anni trattato con prodotti derivati ​​dal plasma e una bambina di 5 anni trattata con un concentrato di fattore di coagulazione ricombinante.Conclusioni: la siero-prevalenza da HEV è significativamente più alta nei donatori di sangue rispetto ai pazienti con una storia di somministrazione di concentrato di fattore di coagulazione. In uno dei due pazienti con anticorpi IgG anti-HEV rilevabili, il concentrato del fattore di coagulazione non era la probabile fonte di infezione. Lo studio  conferma che HEV è efficacemente inattivato durante il processo di produzione dei concentrati del fattore di coagulazione. Pertanto, il test per la presenza di HEV RNA nel plasma donato per la preparazione di concentrati di fattore di coagulazione potrebbe non essere necessario.


Transfus Med. 2017 Dec 27. doi: 10.1111/tme.12498.

Lack of evidence for the transmission of hepatitis E virus by coagulation factor concentrates based on seroprevalence data.

Juhl D, Nowak-Göttl U, Blümel J, Görg S, Hennig H

Altre notizie della sezione

donazionesangue 1 153x97 - Donatori di sangue in calo nel 2017:  i dati del CNS

15 giugno 2018

Donatori di sangue in calo nel 2017: i dati del CNS

In occasione della settimana nazionale della donazione di sangue 2018, si svolge oggi a Roma presso la sede del Centro Nazionale Sangue (CNS) un convegno internazionale sulla donazione di plasma. Il dott. Giancarlo Liumbruno, direttore del CNS, ha lanciato un grido di allarme (vedi comunicato CNS) riguardo la progressiva riduzione del numero di donatori di […]

patog 153x97 - Prevenzione della trasmissione di patogeni attraverso sangue e prodotti plasma derivati per il trattamento dei disordini emorragici

12 giugno 2018

Prevenzione della trasmissione di patogeni attraverso sangue e prodotti plasma derivati per il trattamento dei disordini emorragici

La sicurezza degli agenti patogeni dei prodotti derivati ​​dal sangue / plasma è stata storicamente oggetto di notevole preoccupazione per la comunità medica. Misure quali la selezione dei donatori e lo screening del sangue hanno contribuito ad aumentare la sicurezza di questi prodotti, ma la trasmissione degli agenti patogeni è ancora possibile. I motivi di […]

plasma 153x97 - Il plasma sottoposto ad inattivazione mediante sovente detergente è migliore del plasma fresco congelato standard?

5 giugno 2018

Il plasma sottoposto ad inattivazione mediante sovente detergente è migliore del plasma fresco congelato standard?

Revisione sistematica della letteratura finalizzata allo sviluppo di un documento di consenso sull’uso di SD-plasma. Gli autori hanno inoltre condotto uno studio farmacoeconomico per valutare se l’uso di plasma SD possa essere conveniente rispetto all’uso di FFP. Gli autori hanno utilizzato la revisione sistematica e la metodologia GRADE per sviluppare raccomandazioni basate sull’evidenza, concludendo che […]