Paesi in via di sviluppo 370x280 - Verso l'inattivazione dei patogeni dei globuli rossi e di tutto il sangue obiettivo del DNA/RNA virale: progettazione, tecnologie e prospettive future per i paesi in via di sviluppo

Verso l’inattivazione dei patogeni dei globuli rossi e di tutto il sangue obiettivo del DNA/RNA virale: progettazione, tecnologie e prospettive future per i paesi in via di sviluppo

Vengono raccolti annualmente oltre 110 milioni di sangue. La necessità di prodotti sanguigni è maggiore nei paesi in via di sviluppo, ma così è anche il rischio di contrarre un’infezione trasmessa dalla trasfusione. Senza un efficace screening dei donatori/test virali e una tecnologia di inattivazione patogena convalidata, il rischio di infezioni trasmesse dalla trasfusione è correlato con il tasso di infezione della popolazione donatrice. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato linee guida sulla buona prassi di fabbricazione nel tentativo di garantire un forte livello di sicurezza delle trasfusioni e dei prodotti del sangue. L’Africa subsahariana è una regione ad alto rischio per la malaria, il virus dell’immunodeficienza umana (HIV), il virus dell’epatite B e la sifilide. L’Asia sudorientale presenta un alto tasso di virus dell’epatite C. Le aree con un clima tropicale hanno un aumento del rischio di virus Zika, virus dengue, virus del West Nile e Chikungunya, ei paesi impoveriti devono affrontare limitazioni economiche che ostacolano gli sforzi per acquisire la più moderna tecnologia di inattivazione degli agenti patogeni. Questi sistemi includono Mirasol® Pathogen Reduction Technology, INTERCEPT® e THERAFLEX®. Le loro procedure utilizzano una luce chimica e ultravioletta o visibile per l’inattivazione degli agenti patogeni e riducono notevolmente la minaccia della trasmissione di patogeni nel plasma e nelle piastrine. Sono concessi in licenza per essere utilizzati in Europa e sono utilizzati in diversi altri paesi. L’interesse attuale per l’industria del sangue è lo sviluppo di tecnologie di inattivazione di patogeni che possono curare il sangue intero (WB) e le cellule del sangue (RBC). Il sistema Mirasol è stato recentemente sottoposto a sperimentazioni cliniche di fase III per il trattamento del WB in Ghana e ha dimostrato una certa efficacia verso l’inattivazione della malaria e il basso rischio di effetti avversi. Una seconda generazione del sistema INTERCEPT® S-303 per WB è attualmente in fase di sperimentazione clinica di fase III. Entrambe le metodologie sono applicabili per WB e componenti derivanti da riduzione virale WB o RBC.


Blood Transfus. 2017 Apr 13:1-11. doi: 10.2450/2017.0344-16. [Epub ahead of print]

Towards pathogen inactivation of red blood cells and whole blood targeting viral DNA/RNA: design, technologies, and future prospects for developing countries.

Drew VJ1, Barro L1,2, Seghatchian J3, Burnouf T1,4.

Altre notizie della sezione

globalizzazione 153x97 - La Malattia di Chagas in Europa: una pratica review per il medico che opera in un mondo globalizzato

21 settembre 2017

La Malattia di Chagas in Europa: una pratica review per il medico che opera in un mondo globalizzato

La Malattia di Chagas o Tripanosomiasi Americana è una patologia trasmessa dal Tripanosoma Cruzii, endemica in alcune regioni del Centro e Sud America, è stata scoperta nel 1909 da Carlos Chagas, ma solo di recente è diventata problema reale anche in Italia quando sono stati esclusi dalla donazione di sangue in modo preventivo i soggetti […]

PReP 153x97 - Implicazioni di sicurezza del sangue dei donatori che utilizzano profilassi anti-HIV pre-esposizione

31 agosto 2017

Implicazioni di sicurezza del sangue dei donatori che utilizzano profilassi anti-HIV pre-esposizione

La profilassi anti-HIV pre-esposizione (PrEP) è l’uso di uno o più farmaci antiretrovirali (in combinazione) per prevenire l’infezione da HIV. Il medicinale PrEP più comunemente usato (Truvada®,) agisce inibendo la transcriptasi inversa dell’HIV-1. Se qualcuno utilizza PrEP inconsapevolmente diventa infetto da HIV (chiamato “infezione da penetrazione PrEP”), può essere soppressa la replica virale che determina […]

modello matematico 153x97 - Un modello matematico per la stima del rischio residuo di trasmissione di infezione da virus dell'epatite B occulta con diversi scenari di sicurezza del sangue

30 agosto 2017

Un modello matematico per la stima del rischio residuo di trasmissione di infezione da virus dell’epatite B occulta con diversi scenari di sicurezza del sangue

Se ai test anti-epatite B  non sono obbligati i donatori di sangue con l’infezione occulta dell’epatite B (OBI) questi possono trasmettere il virus dell’epatite B (HBV) a un destinatario, nonostante l’uso della tecnologia di amplificazione dell’acido nucleico (NAT) o dell’inattivazione degli agenti patogeni (PI). MODELLI E METODI DI STUDIO Abbiamo sviluppato un modello per stimare […]