modello matematico 370x280 - Un modello matematico per la stima del rischio residuo di trasmissione di infezione da virus dell'epatite B occulta con diversi scenari di sicurezza del sangue

Un modello matematico per la stima del rischio residuo di trasmissione di infezione da virus dell’epatite B occulta con diversi scenari di sicurezza del sangue

Se ai test anti-epatite B  non sono obbligati i donatori di sangue con l’infezione occulta dell’epatite B (OBI) questi possono trasmettere il virus dell’epatite B (HBV) a un destinatario, nonostante l’uso della tecnologia di amplificazione dell’acido nucleico (NAT) o dell’inattivazione degli agenti patogeni (PI).

MODELLI E METODI DI STUDIO

Abbiamo sviluppato un modello per stimare il rischio di trasmissione OBI basato su tre componenti: la distribuzione di probabilità del carico virale (VL) in un donatore OBI selezionato in modo casuale, la probabilità che un determinato VL rimanga inosservato e la probabilità che questo VL provochi infezioni nel destinatario. Un sottogruppo di 217 campioni OBI sudafricani identificati con la selezione individuale di donazione (ID) -NAT sono stati quantificati mediante test di replicazione utilizzando un dosaggio ID-NAT (Ultrio Plus) contro la serie di diluizione standard di DNA di HBV. Una correzione è stata inclusa per compensare i campioni OBI mancati dalla screening iniziale ID-NAT. RISULTATI: Il modello stima che il 3,3% di tutte le donazioni OBI non siano rilevate da ID-NAT (Ultrio Plus) e causano infezione da una componente di sangue contenente 20 ml di plasma, salendo fino all’8,7% quando si utilizzano mini-pool di 6 (MP6) -NAT. Per la trasfusione plasmatica di 200 ml, questi rischi sono stati stimati rispettivamente al 14 e al 28%, mentre il PI con riduzione modesta (2 log) raggiungerà il 4,8% senza NAT e 1,3 o 0,4% se combinato con MP6 o ID-NAT.

CONCLUSIONE

Il modello può essere utilizzato per confrontare diverse strategie di screening e/o PI per ridurre il rischio di trasmissione virale e potrebbe servire come strumento per valutare l’efficacia degli scenari alternativi di sicurezza del sangue.


Transfusion. 2017 Mar;57(3pt2):841-849. doi: 10.1111/trf.14050. Epub 2017 Feb 28.

A mathematical model for estimating residual transmission risk of occult hepatitis B virus infection with different blood safety scenarios.

Weusten J1, van Drimmelen H2, Vermeulen M3, Lelie N2,4.

Altre notizie della sezione

epatite c 153x97 - l’individuazione del virus dell'epatite C (HCV) anticorpo specifico-core è indicativo di un’infezione da HCV occulta tra i donatori di sangue

26 giugno 2017

l’individuazione del virus dell’epatite C (HCV) anticorpo specifico-core è indicativo di un’infezione da HCV occulta tra i donatori di sangue

La sicurezza di una trasfusione di sangue si basa sullo screening dei donatori affidabile per infezioni trasmissibili come l’infezione da virus dell’epatite C (HCV). Una serie di anticorpi HCV core-specifico è stato analizzato  casualmente su singole donazioni di donatori di sangue che per la prima volta sono risultati negativi per anti-HCV e HCV RNA sullo […]

trasfusione 153x97 - Un modello di simulazione per stimare il rischio di infezione arbovirali trasmessa per trasfusione

26 giugno 2017

Un modello di simulazione per stimare il rischio di infezione arbovirali trasmessa per trasfusione

L’arbovirus virus del Nilo occidentale (WNV), virus della dengue (DENV) e virus di Ross River (RRV) hanno dimostrato di essere trasmissibile per trasfusione di sangue. Un modello per stimare il rischio di WNV per l’afflusso di sangue è stato sviluppato e applicato anche al virus Chikungunya. Inoltre, un modello probabilistico è stato sviluppato per valutare […]

epatite A trasfusioni sangue 153x97 - Analisi filogenetica di un focolaio di epatite A trasmessa per trasfusione

19 giugno 2017

Analisi filogenetica di un focolaio di epatite A trasmessa per trasfusione

Un focolaio di epatite A associato a trasfusione di sangue è stato trovato inizialmente in Ungheria. L’epidemia ha coinvolto cinque casi. La trasmissione parenterale di epatite A è rara, ma può verificarsi durante il periodo della viremia. E’ stato eseguito il sequenziamento diretto dei prodotti con PCR  e tutti i campioni esaminati erano identici nella […]