dottore paziente 370x280 - Riduzione degli agenti patogeni / inattivazione dei prodotti per il trattamento dei disturbi emorragici: quali sono i processi e cosa dovremmo dire ai pazienti?

Riduzione degli agenti patogeni / inattivazione dei prodotti per il trattamento dei disturbi emorragici: quali sono i processi e cosa dovremmo dire ai pazienti?

I pazienti con disturbi del sangue (compresa la leucemia, i disturbi della funzionalità piastrinica e le deficienze dei fattori di coagulazione) o con sanguinamento acuto ricevono prodotti derivati dal sangue, come i globuli rossi, i concentrati piastrinici e i prodotti derivati dal plasma. Sebbene il rischio di contaminazione da agenti patogeni dei questi prodotti sia diminuito considerevolmente negli ultimi tre decenni, la possibile contaminazione è ancora un motivo di preoccupazione.

Al fine di consigliare i pazienti e ottenere il loro consenso informato prima della trasfusione, i medici sono tenuti ad aggiornarsi sulle conoscenze attuali sul rischio residuo di trasmissione dei patogeni e sui metodi di rimozione / inattivazione degli agenti patogeni. In questo articolo, vengono descritti i patogeni rilevanti per la trasfusione di emoderivati e vengono descritte le procedure contemporanee di rimozione / inattivazione degli agenti patogeni, così come i potenziali rischi associati a questi prodotti: il rischio di contaminazione da agenti infettivi varia a seconda del prodotto ematico / regione, e c’è un linea sottile tra inattivazione adeguata e compromissione funzionale del prodotto. Vengono anche considerate le implicazioni di costo derivanti dall’implementazione della tecnologia.


Ann Hematol. 2017 Aug;96(8):1253-1270

Pathogen reduction/inactivation of products for the treatment of bleeding disorders: what are the processes and what should we say to patients?

Di Minno G1, Navarro D2, Perno CF3, Canaro M4, Gürtler L5, Ironside JW6, Eichler H7, Tiede A8.

Altre notizie della sezione

trasfusione sangue 153x97 - Parvovirus B19: Qual è la rilevanza nella medicina trasfusionale?

26 febbraio 2018

Parvovirus B19: Qual è la rilevanza nella medicina trasfusionale?

Il parvovirus B19 (B19V) è stato scoperto nel 1975. L’associazione con una malattia all’inizio dopo la scoperta di B19V non era chiara , ma nel frattempo è stata riconosciuta come l’agente infettivo della “quinta malattia”, un malattia dei bambini piuttosto innocua. Ma B19V infetta le cellule progenitrici eritrocitarie e quindi, l’infezione acuta da B19V in […]

trasfusione haemosafety 153x97 - Epatite E trasmessa attraverso la trasfusione di sangue: Screening NAT delle donazioni di sangue e dose infettiva

21 febbraio 2018

Epatite E trasmessa attraverso la trasfusione di sangue: Screening NAT delle donazioni di sangue e dose infettiva

Il rischio e l’importanza delle infezioni da virus dell’epatite E trasmesse tramite trasfusione (TT-HEV)  di prodotti del sangue contaminati è attualmente un argomento discusso e controverso nella medicina trasfusionale. La dose infettiva, in particolare, rimane un dato sconosciuto. Nel presente studio, gli autori analizzano questo aspetto dal punto di vista di un servizio trasfusionale  con più […]

merlo 153x97 - Infezioni da virus Usutu tra donatori di sangue in austria tra luglio-agosto 2017

24 gennaio 2018

Infezioni da virus Usutu tra donatori di sangue in austria tra luglio-agosto 2017

Tra luglio e agosto 2017, sette delle 12.047 donazioni di sangue dall’Austria orientale hanno reagito positivamente al virus del Nilo occidentale (WNV) nel test cobas (Roche). Le indagini di follow-up hanno rivelato l’acido nucleico del virus Usutu (USUV) in sei di questi. Le analisi retrospettive di quattro donatori di sangue diagnosticati come infetti da WNV […]