plasma 370x280 - La riduzione/inattivazione dei patogeni nei prodotti impiegati per il trattamento dei disordini emorragici: quali sono le metodiche e cosa dovremmo spiegare ai pazienti?

La riduzione/inattivazione dei patogeni nei prodotti impiegati per il trattamento dei disordini emorragici: quali sono le metodiche e cosa dovremmo spiegare ai pazienti?

Gli autori si soffermano sul rischio infettivo residuo associato all’utilizzo di emocomponenti ed emoderivati per il trattamento dei principali disordini emorragici congeniti ed acquisiti.

Se da un lato infatti è significativamente aumentata la sicurezza dei prodotti nel corso degli ultimi 30 anni, dall’altro lato permane un rischio infettivo connesso ad esempio al pericolo di contaminazione, variabile a seconda del tipo di preparato e della area di produzione, nonostante le raffinate e talora costose procedure di rimozione ed inattivazione dei patogeni applicate ai processi di produzione.

Queste ultime necessitano pertanto di una continua implementazione, anche tenuto conto della possibilità che nuovi patogeni emergano o che altri, già noti, riemergano.


Ann Hematol. 2017 Aug;96(8):1253-1270.

Pathogen reduction/inactivation of products for the treatment of bleeding disorders: what are the processes and what should we say to patients?

Di Minno G, Navarro D, Perno CF, Canaro M, Gürtler L, Ironside JW, Eichler H, Tiede A.

Altre notizie della sezione

valvola bovina 153x97 - La variante Heidenhain della malattia di Creutzfeldt-Jakob in un paziente portatore di valvola bovina bioprostetica

6 gennaio 2018

La variante Heidenhain della malattia di Creutzfeldt-Jakob in un paziente portatore di valvola bovina bioprostetica

La variante Heidenhain rappresenta una forma di malattia di Creutzfeldt-Jakob (CJD) in cui il quadro clinico è dominato dai disturbi visivi. Quello proposto dagli autori rappresenta il primo caso clinico riportato in letteratura di CJD diagnosticata dopo il posizionamento di valvola cardiaca bovina bioprostetica. Si tratta di una donna di 82 anni, già sottoposta ad […]

american red cross 153x97 - Uno studio retrospettivo sulla malattia di Creutzfeldt-Jakob: 21 anni di sorveglianza sul rischio di trasmissione attraverso la trasfusione di emoderivati

3 gennaio 2018

Uno studio retrospettivo sulla malattia di Creutzfeldt-Jakob: 21 anni di sorveglianza sul rischio di trasmissione attraverso la trasfusione di emoderivati

La Croce Rossa Americana in collaborazione con il Centro delle Infezioni emergenti di Atlanta propone i risultati di uno studio retrospettivo condotto su donatori di emoderivati che, successivamente alle donazioni, hanno ricevuto diagnosi di malattia di Creutzfeldt-Jakob classica (CJD), al fine di ottenere una valutazione del rischio di trasmissione delle infezioni prioniche attraverso la terapia […]

Regno Unito 153x97 - Malattia di Creutzfeldt-Jakob sporadica in due pazienti trattati con plasmaderivati nel Regno Unito

24 ottobre 2017

Malattia di Creutzfeldt-Jakob sporadica in due pazienti trattati con plasmaderivati nel Regno Unito

Nel lavoro di Urwin P vengono illustrati i primi due casi di malattia di Creutzfeldt-Jakob sporadica in pazienti affetti da disordine coagulativo trattati in maniera prolungata con plasmaderivati nel Regno Unito (un emofilico B ed un paziente affetto da malattia di von Willebrand); in entrambi i casi la diagnosi clinica è stata confermata sulla scorta […]