300px VCJD Tonsil 370x280 - Rischio di vcjd subclinica per la salute pubblica

Rischio di vcjd subclinica per la salute pubblica

Gli autori discutono dei dati e dei rischi relativi alla prevalenza dello stato di portatore subclinico di vCJD in UK, valutabile sino ad 1:2.000 individui, e della necessità di una sorveglianza continua finalizzata all’identificazione nuovi casi di vCJD, attraverso il pronto riconoscimento dei cambiamenti nel fenotipo clinico e/o patologico e delle possibili altre e diverse vie di trasmissione secondaria.


Journals Plos Pathogens, November 30, 2017

Public health risks from subclinical variant CJD

Abigail B. Diack, Robert G. Will, Jean C. Manson

Altre notizie della sezione

image.axd  1 153x97 - Individuazione dei prioni nel plasma di pazienti preasintomatici e sintomatici affetti da vcjd

4 giugno 2018

Individuazione dei prioni nel plasma di pazienti preasintomatici e sintomatici affetti da vcjd

La variante della malattia di Creutzfeldt-Jakob (vCJD) è una malattia da prioni umani che può essere trasmessa da persona a persona attraverso procedure mediche. Lo sviluppo di un test diagnostico è una priorità. Bougard et al. descrivono un test ematico sensibile e specifico, basato su una fase di cattura del prione e un metodo di […]

malattia da prioni 153x97 - Malattie da prioni

15 gennaio 2015

Malattie da prioni

I prioni sono causa nell’uomo e nell’animale di quadri neurodegenerativi spesso fatali. Gli autori passano in rassegna le diverse possibili manifestazioni cliniche associate all’infezione da prioni ed esplorano dettagliatamente la patogenesi. I prioni possono diffondere all’interno dello stesso organismo o essere trasmessi tra animali di uguale o diversa specie, assumendo un’ampia varietà di fenotipi clinici, […]

plasma 153x97 - La riduzione/inattivazione dei patogeni nei prodotti impiegati per il trattamento dei disordini emorragici: quali sono le metodiche e cosa dovremmo spiegare ai pazienti?

12 gennaio 2018

La riduzione/inattivazione dei patogeni nei prodotti impiegati per il trattamento dei disordini emorragici: quali sono le metodiche e cosa dovremmo spiegare ai pazienti?

Gli autori si soffermano sul rischio infettivo residuo associato all’utilizzo di emocomponenti ed emoderivati per il trattamento dei principali disordini emorragici congeniti ed acquisiti. Se da un lato infatti è significativamente aumentata la sicurezza dei prodotti nel corso degli ultimi 30 anni, dall’altro lato permane un rischio infettivo connesso ad esempio al pericolo di contaminazione, […]