ISS 3692 01894 370x280 - Valutazioni delle tecnologie sanitarie di riduzione dei patogeni applicato al plasma per uso clinico.

Valutazioni delle tecnologie sanitarie di riduzione dei patogeni applicato al plasma per uso clinico.

L’evidenza clinica esistente dimostra che la trasfusione di emocomponenti sta diventando sempre più sicura tuttavia, il rischio di trasmissione di agenti patogeni conosciuti e sconosciuti, persiste ancora. Le tecnologie per la riduzione degli agenti patogeni possono offrire un nuovo strumento per aumentare la sicurezza del sangue. Lo studio è nato dalla collaborazione tra il Centro Sangue Nazionale Italiano e l’Alta Scuola di economia e Management, dell’ Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma. Un grande, team multidisciplinare è stato creato ed è suddiviso in sei gruppi a seconda del metodo di inattivazione virale utilizzato. Plasma trattato con amotosalene + luce UV, riboflavina + luce UV, il blu di metilene o un processo solvente / detergente è stato confrontato con plasma fresco congelato utilizzato per l’uso corrente, valutando le caratteristiche tecniche, l’efficacia, la sicurezza, l’impatto economico e organizzativo, le implicazioni etiche, sociali e legali. Le prove a disposizione non sono sufficienti per constatare quale tecnica a confronto è superiore in termini di efficacia, sicurezza e costo-efficacia.

Lo studio ha stabilito che per quanto riguarda l’efficacia  essa è accertata soltanto per il metodo solvente/detergente, che si è rivelata non inferiore al plasma fresco congelato  nel trattamento di una vasta gamma di disturbi emorragici congeniti o acquisiti. Per quanto riguarda la sicurezza, la tecnica di solvente/detergente presenta un profilo più favorevole apparentemente nel rapporto rischio-beneficio.

Invece, ulteriori ricerche sono necessarie per fornire una panoramica completa del profilo di costo-efficacia delle diverse tecniche di riduzione dell’agente patogeno.  Infatti, l’ampia eterogeneità dei risultati e la mancanza di prove comparative sono ragioni per cui  è auspicabile che vengano eseguiti più studi comparativi.


Blood Transfus. 2016 Jul;14(4):287-386. doi: 10.2450/2016.0065-16.

Health Technology Assessment of pathogen reduction technologies applied to plasma for clinical use.

Cicchetti A1, Berrino A2, Casini M3, Codella P1, Facco G4, Fiore A1, Marano G4, Marchetti M2, Midolo E3, Minacori R3, Refolo P3, Romano F1, Ruggeri M1, Sacchini D3, Spagnolo AG3, Urbina I2, Vaglio S4, Grazzini G4, Liumbruno GM4.

Altre notizie della sezione

australia 153x97 - Rischio di trasmissione dell’epatite E attraverso gli emoderivati nei viaggiatori australiani

30 agosto 2016

Rischio di trasmissione dell’epatite E attraverso gli emoderivati nei viaggiatori australiani

Nei Paesi sviluppati l’infezione da virus dell’epatite E (HEV) avviene per la maggior parte dei casi in viaggiatori in aree dove il virus è endemico. La trasmissione del virus dell’epatite E è possibile anche attraverso gli emoderivati. Per minimizzare questo rischio, in Australia i pazienti con diagnosi di HEV sono sospesi dalla possibilità di donazione […]

world map 153x97 - Un nuovo modello di simulazione del rischio di trasfusione degli Arbovirus

8 agosto 2016

Un nuovo modello di simulazione del rischio di trasfusione degli Arbovirus

Gli arbovirus virus come  il West Nile virus (WNV), dengue virus (DENV) and Ross River virus (RRV) sono trasmissibili attraverso il sangue. E’ stato sviluppato uno specifico modello statistico per stimare il rischio di infezione da WNV attraverso le trasfusioni di emoderivati che poi è stato applicato anche al virus Chikungunya. Inoltre, un altro modello […]

haemosafety leucodeplezione 153x97 - Leucodeplezione di emocomponenti: un modo efficace di aumentare la sicurezza dei prodotti?

12 luglio 2016

Leucodeplezione di emocomponenti: un modo efficace di aumentare la sicurezza dei prodotti?

È oggetto di discussione, in medicina trasfusionale, il rapporto costo-benefici associato alla pratica della leucodeplezione di emocomponenti. Gli autori di questo lavoro, tutto italiano, passano in rassegna le evidenze attualmente disponibili in letteratura circa le indicazioni ed il razionale alla base di tale pratica negli ultimi trenta anni. Dall’analisi proposta la leucodeplezione è risultata effettivamente vantaggiosa […]