studio Clinico Haemosafety 370x280 - Ruolo di IDO 1 nello sviluppo di inibitori nei pazienti trattati con FVIII

Ruolo di IDO 1 nello sviluppo di inibitori nei pazienti trattati con FVIII

Lo studio si propone di verificare il ruolo che può rivestire l’indolamina 2,3-diossigenasi (IDO 1) nello sviluppo degli inibitori. IDO 1 è un enzima chiave della regolazione della tolleranza periferica e nell’azione delle cellule T regolatrici (TREG).

I ricercatori hanno analizzato l’induzione, l’espressione e la funzione di IDO nelle differenti fasi di sviluppo e progressione dell’inibitore su 1000 pazienti affetti da Emofilia A grave con null mutation; dei 100 pazienti, 50 avevano inibitore positivo.

Dall’analisi multivariata effettuata è risultato che esiste una associazione tra presenza di inibitore e carente attivazione di IDO 1 mediata da TLR9 (toll like receptor 9). Successivi studi hanno dimostrato che i metaboliti del triptofano, risultanti dall’attivazione di IDO, prevengono la generazione degli anticorpi anti FVIII. Inoltre modelli animali trattati con antagonisti del TLR9 hanno dimostrato una soppressione di cellule B specifiche per il FVIII mediante meccanismi che coinvolgono l’induzione di TREG mediata da IDO.

Gli autori concludono che andrebbero investigate strategie volte a migliorare la funzione di IDO 1 per prevenire ed eradicare gli inibitori.


 

Davide Matino et al.

IDO 1 suppresses inhibitor development in haemophilia A treated with factor VIII

J Clin Invest. 2015;125 (10):3766–3781

Altre notizie della sezione

novità terapeutiche 153x97 - Novità terapeutiche

15 dicembre 2015

Novità terapeutiche

Negli ultimi anni la terapia dell’emofilia e delle malattie correlate ha conosciuto grandi progressi, tuttavia ulteriori miglioramenti sono attesi grazie alle nuove ricerche e tecnologie…

globuli rossi Haemosafety 153x97 - Verso la terapia ottimale degli inibitori nell’emofilia

15 dicembre 2015

Verso la terapia ottimale degli inibitori nell’emofilia

Lo sviluppo di anticorpi neutralizzanti il fattore VIII o il fattore IX rappresenta la complicanza più significativa nel trattamento dei pazienti con emofilia, con una incidenza del 33 % nell’emofilia A grave, del 13 % nell’emofilia A moderata/lieve e 3 % dei pazienti con emofilia B grave. L’articolo presenta i progressi nella terapia degli episodi […]

workshop Haemosafety 153x97 - Considerazioni sul rischio immunogenico nello switch dei concentrati di fattori della coagulazione

14 dicembre 2015

Considerazioni sul rischio immunogenico nello switch dei concentrati di fattori della coagulazione

Allo stato attuale non vi è evidenza di un particolare rischio di insorgenza di inibitori nello switch dei concentrati di fattori della coagulazione