PReP 370x280 - Implicazioni di sicurezza del sangue dei donatori che utilizzano profilassi anti-HIV pre-esposizione

Implicazioni di sicurezza del sangue dei donatori che utilizzano profilassi anti-HIV pre-esposizione

La profilassi anti-HIV pre-esposizione (PrEP) è l’uso di uno o più farmaci antiretrovirali (in combinazione) per prevenire l’infezione da HIV. Il medicinale PrEP più comunemente usato (Truvada®,) agisce inibendo la transcriptasi inversa dell’HIV-1. Se qualcuno utilizza PrEP inconsapevolmente diventa infetto da HIV (chiamato “infezione da penetrazione PrEP”), può essere soppressa la replica virale che determina un livello di virus non rilevabile dall’NAT HIV più sensibile.

La mancata sieroconversione e la sieroreversione (perdita di anticorpi HIV precedentemente rilevabili) sono stati entrambi osservati con immunoassay screening di seconda, terza e quarta generazione, così come i test Western blot. Se tale soggetto è stato testato nel corso della donazione del sangue, i risultati possono essere difficili da interpretare. L’indice di sospetto per una possibile interferenza di PrEP dovrebbe essere più elevato nel contesto della reattività a basso livello positivo o “greyzone” su HIV NAT e test sierologici, che è un modello insolito nei donatori di sangue acutamente infettati dall’HIV.

Un’altra possibilità è l’RNA HIV rilevabile con la sierologia dell’HIV negativa (cioè un caso potenziale di resa NAT), ma senza successiva sieroconversione dell’HIV (o scomparsa dell’RNA di HIV). L’esclusione della terapia antiretrovirale o l’uso del PrEP da parte del donatore in tali circostanze sarebbe importante. L’attuale rarità dell’infezione di PrEP indica che qualsiasi rischio potenziale di sicurezza è probabilmente molto piccolo. Tuttavia, considerando l’aumento dell’uso di PrEP riteniamo prudente per coloro che interpretano i risultati dei test di screening del donatore HIV considerare la possibile interferenza.


Vox Sang. 2017 Jul;112(5):473-476. doi: 10.1111/vox.12516. Epub 2017 Mar 31.

Blood safety implications of donors using HIV pre-exposure prophylaxis.

Seed CR1, Yang H2, Lee JF1.

Altre notizie della sezione

ziua donatorului de sange 153x97 - La riduzione/inattivazione dei patogeni dai prodotti utilizzati per il trattamento dei disordini ematologici: quali sono i processi utlizzati per ridurre o eliminare i patogeni e cosa dovrebbe essere comunicato ai pazienti?

31 luglio 2017

La riduzione/inattivazione dei patogeni dai prodotti utilizzati per il trattamento dei disordini ematologici: quali sono i processi utlizzati per ridurre o eliminare i patogeni e cosa dovrebbe essere comunicato ai pazienti?

I pazienti che soffrono di disordini ematologici (comprese leucemie, disordini piastrinici e deficit dei fattori della coagulazione) o presentano eventi emorragici acuti ricevono trattamenti basati sull’utilizzo di prodotti emoderivati quali concentrati di emazie o di piastrine, plasma  e farmaci da esso derivati.  Nonostante nelle ultime tre decadi il rischio di contrarre infezioni virali anche gravi […]

epatite c 153x97 - l’individuazione del virus dell'epatite C (HCV) anticorpo specifico-core è indicativo di un’infezione da HCV occulta tra i donatori di sangue

26 giugno 2017

l’individuazione del virus dell’epatite C (HCV) anticorpo specifico-core è indicativo di un’infezione da HCV occulta tra i donatori di sangue

La sicurezza di una trasfusione di sangue si basa sullo screening dei donatori affidabile per infezioni trasmissibili come l’infezione da virus dell’epatite C (HCV). Una serie di anticorpi HCV core-specifico è stato analizzato  casualmente su singole donazioni di donatori di sangue che per la prima volta sono risultati negativi per anti-HCV e HCV RNA sullo […]

trasfusione 153x97 - Un modello di simulazione per stimare il rischio di infezione arbovirali trasmessa per trasfusione

26 giugno 2017

Un modello di simulazione per stimare il rischio di infezione arbovirali trasmessa per trasfusione

L’arbovirus virus del Nilo occidentale (WNV), virus della dengue (DENV) e virus di Ross River (RRV) hanno dimostrato di essere trasmissibile per trasfusione di sangue. Un modello per stimare il rischio di WNV per l’afflusso di sangue è stato sviluppato e applicato anche al virus Chikungunya. Inoltre, un modello probabilistico è stato sviluppato per valutare […]