ricerca zika Haemosafety 370x280 - Sicurezza nella terapia sostitutiva, farmacovigilanza ed emovigilanza

Sicurezza nella terapia sostitutiva, farmacovigilanza ed emovigilanza

Il termine farmacovigilanza definisce i programmi – spesso pubblici e di rilevanza pubblica – per il controllo e la sorveglianza dei farmaci in commercio. Essa è generalmente di competenza delle autorità sanitarie nazionali ed internazionali preposte. La farmacovigilanza è nata dal bisogno di allargare il controllo dell’efficacia dei farmaci nel momento del loro uso su larga scala dopo la loro immissione sul mercato.

Le fasi sperimentali cliniche precedenti, infatti, sono eseguite su gruppi selezionati di pazienti, in condizioni ottimali e quindi, nel momento in cui il nuovo medicinale è utilizzato dalla popolazione generale, potrebbero manifestarsi alcuni effetti indesiderati non riscontrati in fase sperimentale. ?La farmacovigilanza può considerarsi, dunque, un sistema di monitoraggio permanente, e costituisce propriamente la Fase IV della sperimentazione farmaceutica (post-marketing).

L’emovigilanza (vigilanza sul sangue) è l’insieme tutte le procedure adottate dal personale del network trasfusionale nazionale per il monitoraggio di reazioni avverse inattese e incidenti gravi che possono verificarsi nel processo trasfusionale; essa comprende anche la sorveglianza epidemiologica delle malattie infettive trasmissibili con la trasfusione, che costituisce, di fatto, il requisito indispensabile per la sicurezza, infettivologica del sangue donato. Vengono, infatti, raccolte informazioni sui marcatori infettivi (HIV, HBV, HCV, treponema pallidum) di ogni unità di sangue raccolta.

Con i nuovi protocolli di sicurezza nel trattamento del sangue donato il rischio di contrarre una malattia infettiva è sempre più raro. Scopriamo perchè.

leggi tutto

vai al link

a 1 153x97 - Prevalenza dell’epatite A nei donatori di sangue americani: alta incidenza di anticorpi Igg positivi è possibilità anche se bassa di trasmissione di HAV

15 ottobre 2018

Prevalenza dell’epatite A nei donatori di sangue americani: alta incidenza di anticorpi Igg positivi è possibilità anche se bassa di trasmissione di HAV

Negli Stati Uniti recentemente è stato segnalato un aumento del numero di focolai di epatite A. Sebbene la presenza dell’RNA di virus dell’epatite A (HAV) nei donatori di sangue sia notoriamente bassa, la prevalenza di anticorpi HAV in questa popolazione non è nota. Campioni da 5001 donatori di sangue statunitensi raccolti principalmente nel Midwest degli […]

emoclot 2 153x97 - Screening del sangue da virus dell'epatite b: necessità di rivalutazione delle misure di sicurezza del sangue?

8 ottobre 2018

Screening del sangue da virus dell’epatite b: necessità di rivalutazione delle misure di sicurezza del sangue?

Negli ultimi decenni, il rischio di trasmissione trasfusionale dell’HBV è stato costantemente ridotto attraverso il reclutamento di donatori volontari, la selezione di donatori basata sulla valutazione del comportamento a rischio, lo sviluppo di test per epatite B (HBsAg) sempre più sensibili, l’uso di screening dell’epatite B (anti-HBc) in alcuni paesi a bassa endemia e la […]

e 153x97 - Epatite E trasmessa per trasfusione: Screening NAT delle donazioni di sangue e dose infettiva

6 ottobre 2018

Epatite E trasmessa per trasfusione: Screening NAT delle donazioni di sangue e dose infettiva

Il rischio e l’importanza delle infezioni da virus dell’epatite E trasmesse tramite trasfusione (TT-HEV) da parte di prodotti del sangue contaminati, è attualmente un argomento discusso e controverso nella medicina trasfusionale. La dose infettiva, in particolare, rimane una quantità sconosciuta. Nel presente studio, si analizza questo aspetto visto dal punto di vista di un Servizio […]

s 153x97 - Ritiro lotti di prodotti emoderivati della ditta Kedrion

2 ottobre 2018

Ritiro lotti di prodotti emoderivati della ditta Kedrion

A seguito della comunicazione da parte del Servizio Trasfusionale di Cremona, di una notifica post donazione  relativa ad un donatore nel quale è sospettata la malattia di Creutzfeldt Jakob, considerati gli accordi tra Agenzia Italiana del Farmaco, Centro Nazionale Sangue e lstituto Superiore di Sanità,in conformità alle raccomandazioni espresse dal Consiglio Superiore di Sanità, l’AIFA ha ritenuto di […]

z 153x97 - Test sperimentali per virus zika tra donatori di sangue negli stati uniti

4 settembre 2018

Test sperimentali per virus zika tra donatori di sangue negli stati uniti

A causa delle potenziali gravi conseguenze cliniche dell’infezione da virus Zika (ZIKV), e le segnalazioni di trasmissione di ZIKV attraverso la trasfusione, nel 2016 il Food e Drug Administration ha rilasciato raccomandazioni per il test degli acidi nucleici delle singole unità per minimizzare il rischio di trasmissione di ZIKV attraverso le trasfusioni di sangue. La […]

e 153x97 - Inizio anticipato della stagione di trasmissione della febbre del Nilo occidentale 2018 in Europa

4 settembre 2018

Inizio anticipato della stagione di trasmissione della febbre del Nilo occidentale 2018 in Europa

In Europa, I sistemi di sorveglianza infettivologica indicano che la stagione di trasmissione della febbre del Nilo nel 2018 è iniziata prima rispetto agli anni precedenti e con un aumento più marcato delle infezioni umane acquisite localmente. Tra il 2014 e il 2017, l’Unione europea / Area economica europea (UE / EEA) e i paesi […]

s 1 153x97 - Prevalenza, incidenza e rischio residuo di virus dell'epatite C e del virus dell'immunodeficienza umana trasmessi per via trasfusionale dopo l'implementazione del test dell'acido nucleico in Italia: un sondaggio di 7 anni (2009-2015)

10 agosto 2018

Prevalenza, incidenza e rischio residuo di virus dell’epatite C e del virus dell’immunodeficienza umana trasmessi per via trasfusionale dopo l’implementazione del test dell’acido nucleico in Italia: un sondaggio di 7 anni (2009-2015)

Abstract BACKGROUND:   In Italia il test dell’acido nucleico (NAT) è diventato obbligatorio per il virus dell’epatite C (HCV) nel 2002 e per il virus dell’immunodeficienza umana (HIV) e dell’epatite B nel 2008. Lo scopo di questo studio era monitorare l’incidenza e la prevalenza delle infezioni da HIV e da HCV nei donatori di sangue […]

e 2 153x97 - Mancanza di prove per la trasmissione del virus dell'epatite e mediante concentrati di fattori di coagulazione basati su dati di sieroprevalenza

30 luglio 2018

Mancanza di prove per la trasmissione del virus dell’epatite e mediante concentrati di fattori di coagulazione basati su dati di sieroprevalenza

Sicurezza nella terapia sostitutiva, farmacovigilanza ed emovigilanza. Si è voluto fare chiarezza sulla possibile trasmissione dell’infezione da virus dell’epatite E (HEV) nei concentrati dei fattori di coagulazione.  Lo studio si è servito di campioni archiviati di donatori di sangue intero e pazienti che avevano ricevuto concentrati di fattore di coagulazione e sono stati studiati per […]