ricerca zika Haemosafety 370x280 - Sicurezza nella terapia sostitutiva, farmacovigilanza ed emovigilanza

Sicurezza nella terapia sostitutiva, farmacovigilanza ed emovigilanza

Il termine farmacovigilanza definisce i programmi – spesso pubblici e di rilevanza pubblica – per il controllo e la sorveglianza dei farmaci in commercio. Essa è generalmente di competenza delle autorità sanitarie nazionali ed internazionali preposte. La farmacovigilanza è nata dal bisogno di allargare il controllo dell’efficacia dei farmaci nel momento del loro uso su larga scala dopo la loro immissione sul mercato.

Le fasi sperimentali cliniche precedenti, infatti, sono eseguite su gruppi selezionati di pazienti, in condizioni ottimali e quindi, nel momento in cui il nuovo medicinale è utilizzato dalla popolazione generale, potrebbero manifestarsi alcuni effetti indesiderati non riscontrati in fase sperimentale. ?La farmacovigilanza può considerarsi, dunque, un sistema di monitoraggio permanente, e costituisce propriamente la Fase IV della sperimentazione farmaceutica (post-marketing).

L’emovigilanza (vigilanza sul sangue) è l’insieme tutte le procedure adottate dal personale del network trasfusionale nazionale per il monitoraggio di reazioni avverse inattese e incidenti gravi che possono verificarsi nel processo trasfusionale; essa comprende anche la sorveglianza epidemiologica delle malattie infettive trasmissibili con la trasfusione, che costituisce, di fatto, il requisito indispensabile per la sicurezza, infettivologica del sangue donato. Vengono, infatti, raccolte informazioni sui marcatori infettivi (HIV, HBV, HCV, treponema pallidum) di ogni unità di sangue raccolta.

Con i nuovi protocolli di sicurezza nel trattamento del sangue donato il rischio di contrarre una malattia infettiva è sempre più raro. Scopriamo perchè.

leggi tutto

vai al link

c 153x97 - Infezione da epatite C in pazienti con disturbi emorragici ereditari: epidemiologia, storia naturale e gestione

10 dicembre 2018

Infezione da epatite C in pazienti con disturbi emorragici ereditari: epidemiologia, storia naturale e gestione

I disordini emorragici ereditari comprendono un gruppo di malattie con anormalità della coagulazione. Prima del 1990, l’infezione da virus dell’epatite C (HCV) è stata trasmessa principalmente attraverso prodotti a base di plasma in pool come trattamento per i disordini emorragici ereditari. La positività anti-HCV in questi pazienti può raggiungere il 70% in alcune aree, mentre […]

blood 153x97 - Pazienti ematologici ed il rischio infezioni trasmesse attraverso l’uso di trasfusioni

8 dicembre 2018

Pazienti ematologici ed il rischio infezioni trasmesse attraverso l’uso di trasfusioni

Uno studio del 2014 del NHS Blood and Transplant ha indicato che oltre un quarto dei globuli rossi sono stati trasfusi in pazienti con condizioni ematologiche. Per i componenti piastrinici, il numero è più alto. Alcuni gruppi di diagnosi, come le emoglobinopatie, le sindromi mielodisplastiche e alcuni pazienti affetti da patologie oncoematologiche, ricevono più trasfusioni, […]

ISS 1143 01044 153x97 - Considerazioni speciali per l’uso di emocomponenti nell’età pediatrica con minor rischio di trasmissione di patogeni: un overview

6 dicembre 2018

Considerazioni speciali per l’uso di emocomponenti nell’età pediatrica con minor rischio di trasmissione di patogeni: un overview

I pazienti pediatrici che necessitano di trasfusione costituiscono una delle aree più impegnative della pratica trasfusionale. A causa dei limiti posti dalle loro particolari condizioni fisiologiche, essi richiedono abitualmente un supporto di componenti di tipo specialistico e una cura trasfusionale più personalizzata di quella che viene abitualmente utilizzata nella cura dei pazienti adulti. I pazienti […]

ISS 5824 00014 153x97 - Sicurezza del sangue, derivati del sangue e prodotti derivati dal plasma

4 dicembre 2018

Sicurezza del sangue, derivati del sangue e prodotti derivati dal plasma

Da diversi decenni vi è preoccupazione sulla possibilità che le malattie da prioni possano essere trasmissibili attraverso componenti del sangue e / o prodotti del plasma. Mentre le prove relative alla trasmissione della sporadica malattia di Creutzfeldt-Jakob (CJD) sono in gran parte circostanziali, l’identificazione di una variante della CJD ha dato luogo a un aumento […]

shutterstock 523921744 153x97 - Trasmissioni multiple di trasfusioni di hbv da infezioni occulte non rilevate: revisione della dose infettiva minima

28 novembre 2018

Trasmissioni multiple di trasfusioni di hbv da infezioni occulte non rilevate: revisione della dose infettiva minima

L’infezione da HBV da parte dei componenti del sangue è attualmente prevenuta nella maggior parte dei Paesi sviluppati combinando saggi di HBV di superficie (HBsAg) sensibili, test dell’acido nucleico (NAT) e in alcuni di essi anticorpi contro lo screening dell’antigene di nucleo HBV (anti-HBc). Sono state studiate le trasmissioni di HBV da componenti del sangue […]

e 1 153x97 - Caratteristiche genotipiche e fenotipiche di escherichia coli coinvolte in infezioni batteriche trasmesse per trasfusione: implicazioni per strategie preventive

26 novembre 2018

Caratteristiche genotipiche e fenotipiche di escherichia coli coinvolte in infezioni batteriche trasmesse per trasfusione: implicazioni per strategie preventive

Le infezioni batteriche trasmesse per trasfusione (TTBI) sono le principali complicanze infettive residue delle trasfusioni. Escherichia coli e concentrati piastrinici (PLT) possono essere associati epidemiologicamente, portando a gravi, se non letali, TTBI. Sono state studiate le ragioni genotipiche e fenotipiche di questa combinazione clinicamente deleteria. DISEGNO E METODI DI STUDIO: è stata studiata una serie […]

a 1 153x97 - Prevalenza dell’epatite A nei donatori di sangue americani: alta incidenza di anticorpi Igg positivi è possibilità anche se bassa di trasmissione di HAV

15 ottobre 2018

Prevalenza dell’epatite A nei donatori di sangue americani: alta incidenza di anticorpi Igg positivi è possibilità anche se bassa di trasmissione di HAV

Negli Stati Uniti recentemente è stato segnalato un aumento del numero di focolai di epatite A. Sebbene la presenza dell’RNA di virus dell’epatite A (HAV) nei donatori di sangue sia notoriamente bassa, la prevalenza di anticorpi HAV in questa popolazione non è nota. Campioni da 5001 donatori di sangue statunitensi raccolti principalmente nel Midwest degli […]

emoclot 2 153x97 - Screening del sangue da virus dell'epatite b: necessità di rivalutazione delle misure di sicurezza del sangue?

8 ottobre 2018

Screening del sangue da virus dell’epatite b: necessità di rivalutazione delle misure di sicurezza del sangue?

Negli ultimi decenni, il rischio di trasmissione trasfusionale dell’HBV è stato costantemente ridotto attraverso il reclutamento di donatori volontari, la selezione di donatori basata sulla valutazione del comportamento a rischio, lo sviluppo di test per epatite B (HBsAg) sempre più sensibili, l’uso di screening dell’epatite B (anti-HBc) in alcuni paesi a bassa endemia e la […]