blood2 370x277 - Sicurezza nella terapia sostitutiva, farmacovigilanza ed emovigilanza

Sicurezza nella terapia sostitutiva, farmacovigilanza ed emovigilanza

Il termine farmacovigilanza definisce i programmi – spesso pubblici e di rilevanza pubblica – per il controllo e la sorveglianza dei farmaci in commercio. Essa è generalmente di competenza delle autorità sanitarie nazionali ed internazionali preposte. La farmacovigilanza è nata dal bisogno di allargare il controllo dell’efficacia dei farmaci nel momento del loro uso su larga scala dopo la loro immissione sul mercato.

Le fasi sperimentali cliniche precedenti, infatti, sono eseguite su gruppi selezionati di pazienti, in condizioni ottimali e quindi, nel momento in cui il nuovo medicinale è utilizzato dalla popolazione generale, potrebbero manifestarsi alcuni effetti indesiderati non riscontrati in fase sperimentale. ?La farmacovigilanza può considerarsi, dunque, un sistema di monitoraggio permanente, e costituisce propriamente la Fase IV della sperimentazione farmaceutica (post-marketing).

L’emovigilanza (vigilanza sul sangue) è l’insieme tutte le procedure adottate dal personale del network trasfusionale nazionale per il monitoraggio di reazioni avverse inattese e incidenti gravi che possono verificarsi nel processo trasfusionale; essa comprende anche la sorveglianza epidemiologica delle malattie infettive trasmissibili con la trasfusione, che costituisce, di fatto, il requisito indispensabile per la sicurezza, infettivologica del sangue donato. Vengono, infatti, raccolte informazioni sui marcatori infettivi (HIV, HBV, HCV, treponema pallidum) di ogni unità di sangue raccolta.

Con i nuovi protocolli di sicurezza nel trattamento del sangue donato il rischio di contrarre una malattia infettiva è sempre più raro. Scopriamo perchè.

leggi tutto

Haemosafety blood 153x97 - PFAS: pubblicato il bollettino della Regione Veneto

30 marzo 2018

PFAS: pubblicato il bollettino della Regione Veneto

E’ stato pubblicato recentemente il Bollettino della Regione Veneto con i risultati delle analisi eseguite su 10000 abitanti della Regione Veneto residenti nei comuni a più alta contaminazione di PFAS. Purtroppo questa indagine ha confermato che un’ampia quota (più del 50%) della popolazione esposta ha livelli di PFAS oltre la norma. Questo dato preoccupante pone […]

dottore paziente 153x97 - Riduzione degli agenti patogeni / inattivazione dei prodotti per il trattamento dei disturbi emorragici: quali sono i processi e cosa dovremmo dire ai pazienti?

2 marzo 2018

Riduzione degli agenti patogeni / inattivazione dei prodotti per il trattamento dei disturbi emorragici: quali sono i processi e cosa dovremmo dire ai pazienti?

I pazienti con disturbi del sangue (compresa la leucemia, i disturbi della funzionalità piastrinica e le deficienze dei fattori di coagulazione) o con sanguinamento acuto ricevono prodotti derivati dal sangue, come i globuli rossi, i concentrati piastrinici e i prodotti derivati dal plasma. Sebbene il rischio di contaminazione da agenti patogeni dei questi prodotti sia […]

ISS 5824 00014 153x97 - Pazienti ematologici e rischio di infezioni trasmesse attraverso emoderivati

28 febbraio 2018

Pazienti ematologici e rischio di infezioni trasmesse attraverso emoderivati

Uno studio del 2014 del NHS Blood and Transplant ha indicato che oltre un quarto dei globuli rossi sono stati trasfusi in pazienti con condizioni ematologiche. Per i componenti piastrinici, la figura è più alta. Alcuni gruppi diagnostici, come le emoglobinopatie, le sindromi mielodisplastiche e alcuni pazienti affetti da patologie oncoematologiche, ricevono numerose trasfusioni, sia […]

trasfusione sangue 153x97 - Parvovirus B19: Qual è la rilevanza nella medicina trasfusionale?

26 febbraio 2018

Parvovirus B19: Qual è la rilevanza nella medicina trasfusionale?

Il parvovirus B19 (B19V) è stato scoperto nel 1975. L’associazione con una malattia all’inizio dopo la scoperta di B19V non era chiara , ma nel frattempo è stata riconosciuta come l’agente infettivo della “quinta malattia”, un malattia dei bambini piuttosto innocua. Ma B19V infetta le cellule progenitrici eritrocitarie e quindi, l’infezione acuta da B19V in […]

trasfusione haemosafety 153x97 - Epatite E trasmessa attraverso la trasfusione di sangue: Screening NAT delle donazioni di sangue e dose infettiva

21 febbraio 2018

Epatite E trasmessa attraverso la trasfusione di sangue: Screening NAT delle donazioni di sangue e dose infettiva

Il rischio e l’importanza delle infezioni da virus dell’epatite E trasmesse tramite trasfusione (TT-HEV)  di prodotti del sangue contaminati è attualmente un argomento discusso e controverso nella medicina trasfusionale. La dose infettiva, in particolare, rimane un dato sconosciuto. Nel presente studio, gli autori analizzano questo aspetto dal punto di vista di un servizio trasfusionale  con più […]

merlo 153x97 - Infezioni da virus Usutu tra donatori di sangue in austria tra luglio-agosto 2017

24 gennaio 2018

Infezioni da virus Usutu tra donatori di sangue in austria tra luglio-agosto 2017

Tra luglio e agosto 2017, sette delle 12.047 donazioni di sangue dall’Austria orientale hanno reagito positivamente al virus del Nilo occidentale (WNV) nel test cobas (Roche). Le indagini di follow-up hanno rivelato l’acido nucleico del virus Usutu (USUV) in sei di questi. Le analisi retrospettive di quattro donatori di sangue diagnosticati come infetti da WNV […]

indonesia 153x97 - Polimorfismi genetici di HLA-DP e ANTI-HBC isolati sono importanti sottogruppi di infezione da epatite B occulta nei donatori di sangue indonesiani

22 gennaio 2018

Polimorfismi genetici di HLA-DP e ANTI-HBC isolati sono importanti sottogruppi di infezione da epatite B occulta nei donatori di sangue indonesiani

L’infezione da epatite B occulta (OBI) è definita come presenza di DNA di virus dell’epatite B (HBV) nel siero e/o nel fegato in individui HBsAg-negativi. L’OBI è associato al rischio di trasmissione virale, specialmente nei paesi in via di sviluppo rappresentando una patologia epatica ad evoluzione progressiva e in alcuni casi con riattivazione in pazienti […]

encefalite 153x97 - Il virus dell'encefalite di St. Louis può essere trasmesso attraverso trasfusioni di sangue. Arizona, 2015

20 gennaio 2018

Il virus dell’encefalite di St. Louis può essere trasmesso attraverso trasfusioni di sangue. Arizona, 2015

Il virus dell’encefalite di St. Louis è un flavivirus trasmesso dalle zanzare che non frequentemente causa infezioni epidemiche del sistema nervoso centrale. Negli Stati Uniti, i donatori di sangue non sono sottoposti a screening per l’infezione da virus dell’encefalite di St. Louis e la trasmissione tramite trasfusione di sangue non è stata mai documentata. Tuttavia […]