produzione di FIX viene indotta nella ghiandola mammaria suina bioingegnerizzata

L’ingegnerizzazione della sintesi proteica nella ghiandola mammaria al fine di una ricca produzione di prodotto per la terapia dell’emofilia B nel latte

La terapia dell’emofilia B è quantitativamente limitata dalla bassa densità di cellule animali nei bioreattori industriali e dalla scarsa capacità di questi ultimi di indurre le modifiche post traslazionali nel corso dei processi di produzione proteica con particolare riferimento alle fasi di carbossilazione e clivaggio dei propeptidi.

Al fine di produrre rFIX in quantità significativamente superiore rispetto alla produzione dei bioreattori industriali gli autori propongono un modello di animale transgenico. Nello specifico la produzione di FIX viene indotta nella ghiandola mammaria suina bioingegnerizzata e dunque modificata in modo da aumentare la capacità di indurre modifiche post sintetiche del FIX che risulta così escreto nel latte.


Sci Rep. 2015; 5: 14176.

Engineering protein processing of the mammary gland to produce abundant hemophilia B therapy in milk

Jianguo Zhao, Weijie Xu, Jason W. Ross, Eric M. Walters, Stephen P. Butler, Jeff J. Whyte, Lindsey Kelso,1 Mostafa Fatemi, Nicholas C. Vanderslice, Keith Giroux, Lee D. Spate, Melissa S. Samuel, Cliff N. Murphy, Kevin D. Wells, Nick C. Masiello, Randall S. Prather, and William H. Velander

Altre notizie della sezione

2 settembre 2016

Uno studio di fase I per la prima volta condotto sull’uomo sulla molecola ACE910, un nuovo anticorpo che mima l’attività del FVIII, in soggetti sani.

Il gruppo di Uchida et al dell’Università di Tokyo testa per la prima volta la molecola ACE 910 sull’uomo. In particolare, in questo studio di fase I, comparso su Blood nel 2015, 64 soggetti sani di sesso maschile (40 giapponesi e 20 caucasici) sono stati randomizzati a ricevere ACE910 alla dose di 1 mg pro […]

17 febbraio 2016

Ingegnerizzazione dell’ adeno- virus associato per la terapia genica

L’articolo ci mostra le qualità delle terapie basate sull’Ingegnerizzazione degli adeno- virus associati per la terapia genica. Mette in evidenza come questi virus siano ormai sempre più utilizzati quali vettori nella terapia genica.

17 febbraio 2016

Effetto sul prolungamento dell’emivita plasmatica e sull’efficacia in vivo nella molecola di fattore VIII dovuto alla sostituzione dell’amminoacido Asp519 e Glu665 con Val

L’articolo ci aggiorna sulle ricerche di farmacocinetica in vivo e in vitro relative alla stabilizzazione del Fattore VIII. In diversi test in vitro si è osservato che la sostituzione con le valine idrofobiche (v; D519v, E665v) ha migliorato la stabilità e l’attività del Fattore VIII mutante rispetto alFVIII wildtype (WT). I profili della farmacocinetica erano simili al wildtype, a più alte dosi ma a 4 U/kg l’emivita dei vettori D519v/E665v era migliorata. L’emostasi a basse concentrazioni era migliore per il mutante. La risposta immunitaria era simile tra varianti. Soprattutto questi risultati dimostrano che stabilizzando il dominio A2 del Fattore VIII è possibile migliorare in vitro la terapia dell’Emofilia A.