biologia molecolare Haemosafety 370x280 - Le nuove tecniche di biologia molecolare ampliano l’esplorazione del mondo dei virus

Le nuove tecniche di biologia molecolare ampliano l’esplorazione del mondo dei virus

Traendo spunto dall’identificazione del nuovo virus che vi abbiamo presentato nel precedente articolo, denominato Hepegivirus-1 umano (HHpgV-1),  che coniuga caratteristiche di due generi distinti della famiglia dei Flavivirus, Hepacivirus e Pegivirus, la microbiologa americana Angela Rasmussen commenta in un editoriale gli enormi recenti progressi della diagnostica virologica, che consentono di ipotizzare una significativa accelerazione verso la scoperta di nuovi virus.

Le tecniche di biologia molecolare per l’identificazione dei genomi virali si sono infatti ulteriormente affinate e rese efficienti, fino al sequenziamento ad alta capacità (traduzione un po’ forzata di high-throughput sequencing, HTS), cui si deve la recente scoperta dell’HHpgV-1. Queste tecnologie, a differenza dei metodi PCR classici che sono solo in grado di confermare la presenza di un virus specificamente ricercato, permettono di identificare anche virus il cui genoma è presente in circolo a bassissime concentrazioni, grazie alla eliminazione delle sequenze dell’ospite, ad alta concentrazione, che rappresentano un fattore di disturbo.

Una piattaforma ancora più efficiente in questa direzione risulta la Vir-Cap-Seq-vert (virome-capture-sequencing platform for vertebrate virus), che utilizza una libreria di oligonucleotidi in grado di identificare fino al 98% delle sequenze dei virus noti infettivi per i vertebrati e, pertanto, utile per ‘catturare’ eventuali nuovi genomi virali che abbiano analogie di sequenza con tali virus. Questa tecnica potrà ad esempio essere utilizzata per verificare l’effettiva prevalenza del nuovo HHpgV-1 e studiare sua associazioni con patologie. Si apre dunque una nuova era per l’esplorazione del mondo dei virus.

diagnostica - Le nuove tecniche di biologia molecolare ampliano l’esplorazione del mondo dei virus

Lo sviluppo delle tecnologie per la diagnostica virologica: dai tests sierologici all’era della PCR negli anni ’90, fino alle più moderne tecniche di sequenziamento dei nostri giorni    


Rasmussen AL.

Probing the Viromic Frontiers.

MBio. 2015 Nov 10;6(6):e01767-15.

Altre notizie della sezione

Dati trattamento epatite cronica da HCV Haemosafety 153x97 - Nuovi regimi di trattamento antivirale dell’epatite cronica da HCV ‘interferon-free’: primi dati nei soggetti con coagulopatie congenite

2 novembre 2015

Nuovi regimi di trattamento antivirale dell’epatite cronica da HCV ‘interferon-free’: primi dati nei soggetti con coagulopatie congenite

L’introduzione dei nuovi farmaci antivirali diretti ha rivoluzionato i regimi di terapia per il trattamento dell’epatite cronica da HCV con l’eliminazione dell’interferon e la possibilità di terapie di combinazione  orali, che offrono un eccellente profilo di tollerabilità ed ottime risposte a lungo termine. Queste terapie rappresentano una grande opportunità per i soggetti affetti da malattie […]

HEV hepatitis e virus structure symmetry capsid cutaway rna viruses 153x97 - Epatite E: una vecchia infezione con nuove implicazioni

28 ottobre 2015

Epatite E: una vecchia infezione con nuove implicazioni

La disponibilità di derivati del sangue sicuri è un importante problema di sanità pubblica. Miglioramenti nella screening dei donatori e dei metodi di rimozione ed inattivazione di patogeni, l’uso di test sierologici con maggiore efficacia diagnostica e l’introduzione del test (NAT) hanno portato a una sostanziale diminuzione delle infezioni trasfusione-trasmesse nelle ultime due decadi. Tuttavia, […]

1 153x97 - La febbre dengue trasmessa attraverso le trasfusioni è una potenziale minaccia per la salute pubblica?

5 agosto 2015

La febbre dengue trasmessa attraverso le trasfusioni è una potenziale minaccia per la salute pubblica?

La dengue è un arbovirus dovuto a virus ad RNA a singolo filamento, chiamati virus dengue (DENV), che comprendono quattro ceppi e si trasmettono soprattutto attraverso la puntura di zanzare del genere Aedes (A. aegypti e A. albopictus). La distribuzione della malattia è stata storicamente limitata alle aree intertropicali; Tuttavia, durante gli ultimi trent’anni, il […]