03C22395 370x280 - I tempi sono maturi per la terapia genica nel campo dell’Emofilia

I tempi sono maturi per la terapia genica nel campo dell’Emofilia

I successi dei recenti trials clinici, nonostante la variabilità nei risultati, ci lasciano pensare che la terapia genica potrà presto ribaltare i paradigmi di trattamento dei pazienti affetti da Emofilia. Restano da approfondire le proprietà specifiche di particolari vettori virali, nonché la diversa sensibilità dei test impiegati nei vari trials per il rilevamento dell’attività immunologica.

Inoltre quesiti ancora aperti sono quelli relativi alla minima attività di fattore da ottenere dopo la transfezione virale al fine di considerare efficace la terapia; ci si interroga inoltre su quali debbano essere le caratteristiche della popolazione candidabile e sulla possibilità di utilizzare tale terapia, con i dovuti accorgimenti, anche nel paziente con preesistenti anticorpi neutralizzanti il vettore, sul profilo di sicurezza epatica nel setting dei pazienti emofilici epatopatici e sulla possibilità di impiego nel setting dei pazienti con inibitore; resta incerta la durata degli effetti di tale terapia soprattutto nel contesto del paziente pediatrico che potrebbe avere necessità, nel tempo, di reinfondere il vettore virale.

Si osservi infine come, una terapia che in singola somministrazione contribuisce a migliorare il fenotipo emorragico dei pazienti affetti, possa rappresentare una opzione attrattiva per quei pazienti che, nel mondo, non hanno accesso alle terapie di routine.


Blood Adv. 2017 Dec 8;1(26):2591-2599.

Hemophilia gene therapy comes of age.

George LA.

Altre notizie della sezione

milza 153x97 - le cellule B della zona marginale della milza e la risposta immunitaria al fattore VIII

2 febbraio 2018

le cellule B della zona marginale della milza e la risposta immunitaria al fattore VIII

Un interessante lavoro sperimentale di Patricia Zerra et al., comparso recentemente su Blood, ha dimostrato il coinvolgimento delle cellule B della zona marginale splenica (ZM) nel dare origine alla risposta immunitaria al fattore VIII. Una osservazione di grande interesse per la comprensione dei meccanismi della risposta immune in emofilia.

molecola di fattore VIII 153x97 - Bay 94-9027: in arrivo un nuovo FVIII ricombinante a lunga emivita (EHL)

31 gennaio 2018

Bay 94-9027: in arrivo un nuovo FVIII ricombinante a lunga emivita (EHL)

Recentemente l’FDA e l’EMA hanno autorizzato l’immissione in commercio del Bay 94-9027. Sviluppato per l’emofilia A grave, il BAY 94-9027 è una molecola di fattore VIII ricombinante peghilato e troncato nel domino B. Il Bay 94-9027 è sintetizzato a partire da una linea di cellule umane chiamata HKB21, un ibrido di cellule HEK293 e una […]

vaccino 153x97 - Heplisav-B: un nuovo vaccino anti-B dopo 25 anni dall’introduzione del primo

21 dicembre 2017

Heplisav-B: un nuovo vaccino anti-B dopo 25 anni dall’introduzione del primo

L’epatite B è un virus estremamente infettivo e potenzialmente mortale che colpisce una vasta popolazione di adulti in tutto il mondo. Per l’epatite B non esiste alcuna cura eradicante e le infezioni, secondo il WH , sono in aumento. Nel 2015, i nuovi casi di epatite B acuta sono aumentati di oltre il 20% nei […]