Western blot wet transfer system Criterion 03 370x280 - Test su donatori di sangue del Regno Unito per rilevare l'esposizione al parvovirus umano 4 con “time-resolved fluorescence immunoassay (TRFI)” e Western blot come test di conferma sui campioni reattivi.

Test su donatori di sangue del Regno Unito per rilevare l’esposizione al parvovirus umano 4 con “time-resolved fluorescence immunoassay (TRFI)” e Western blot come test di conferma sui campioni reattivi.

Il Parvovirus umano 4 (ParV4) è stato recentemente descritto e identificato quale nuovo membro della famiglia dei Parvoviridae, alla quale appartiene anche Parvovirus B19. Esso è stato rilevato anche in campioni di pool di plasma.

Attualmente, le informazioni sul significato clinico delle infezioni da ParV4 sono molto limitate. In uno studio su pazienti emofilici con infezione acuta l’unica presentazione clinica più volte osservata è stata un rash cutaneo in tre soggetti e un’epatite non spiegata in due pazienti (Fryer JE, Delwart E, Hecht FM, Bernardin F, Jones MS, Shah N, Baylis SA. Frequent detection of the parvoviruses, PARV4 and PARV5, in plasma from blood donors and symptomatic individuals. Transfusion 2007; 47: 1054-61).

Il test “time-resolved fluorescence immunoassay (TRFI)” è un metodo molto sensibile per la rilevazione delle IgG.

Gli autori di questo studio, in pre-pubblicazione su Transfusion, si sono posti l’obiettivo di determinare il livello di esposizione al ParV4 di un campione di 608 donatori di sangue del Regno Unito.

In questo campione di donatori il tasso globale di sieropositività per ParV4 IgG è risultato pari al 4,76%.

Questo dato necessita, ovviamente, di ulteriori approfondimenti.

Altre notizie della sezione

OMSlogo thumb 153x115 - Il sistema di allerta rapido internazionale e la prevenzione della diffusione degli agenti patogeni emergenti.

1 maggio 2013

Il sistema di allerta rapido internazionale e la prevenzione della diffusione degli agenti patogeni emergenti.

Gli operatori sanitari e i ricercatori hanno oggi maggiori capacità di identificare rapidamente gli agenti patogeni, isolare i pazienti sospettati di essere infetti, prevenire la trasmissione delle malattie tra diversi paesi e di condividere le informazioni tra i vari stati grazie alle modifiche normative apportate dalla Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) dopo l’epidemia di SARS […]

transfusion 153x115 - Infezioni da epatite B, epatite C e HIV trasmesse per via trasfusionale nel XXI secolo

24 aprile 2013

Infezioni da epatite B, epatite C e HIV trasmesse per via trasfusionale nel XXI secolo

Una review pubblicata su Vox sanguinis nel 2011 fa il punto sul rischio residuo di infezione con questi virus in ambito trasfusionale.

dengue 153x115 - Dengue: una malattia potenzialmente trasmissibile tramite trasfusioni

24 aprile 2013

Dengue: una malattia potenzialmente trasmissibile tramite trasfusioni

Un editoriale interessante e completo sul virus Dengue e il rischio di trasmissione in ambito trasfusionale, pubblicato su Transfusion nell’agosto 2011.