artrite 370x280 - Trasmissione dell'artrite reumatoide attraverso trasfusione di sangue: uno studio di coorte retrospettivo

Trasmissione dell’artrite reumatoide attraverso trasfusione di sangue: uno studio di coorte retrospettivo

La lunga fase pre-clinica dell’artrite reumatoide (AR), in cui diversi fattori coinvolti nella sua patogenesi circolano nel sangue periferico, solleva la preoccupazione per una possibile trasmissibilità della AR attraverso la trasfusione di sangue. Tale possibilità è stata suggerita dai modelli murini nei quali gli anticorpi anticitrullina peptide/proteina possono indurre e migliorare l’AR, mentre i fibroblasti-AR-like, le cellule dei sinoviociti possono aggravare ed aiutare a diffondere la malattia nelle articolazioniIn questo studio è stato utilizzato un vasto registro danese/svedese in cui sono state inserite tutte le informazioni riguardanti 1,5 milioni di donatori di sangue e 2,1 milioni di riceventi. Obiettivo della ricerca era 1) indagare la presenza di AR nei riceventi una trasfusione da donatori che hanno successivamente sviluppato una AR; 2) registrare  e quindi raggruppare per sottotipi diversi  i casi di AR presenti in  gruppo di pazienti che hanno ricevuto una trasfusione da un singolo donatore, indipendentemente dallo status, del donatore. Per l’analisi sono stati utilizzati due diversi tipi di approccio.

Tra i 938.942 donatori di sangue inseriti nello studio, 2412 presentavano AR al follow-up. Tra i riceventi sono stati identificati 13.369 pazienti (esposti) che hanno ricevuto almeno una trasfusione da donatori che hanno successivamente sviluppato una AR e 139.470 pazienti (non esposti) che hanno ricevuto invece unità di sangue dai donatori sani al follow-up.

Nel complesso il rischio del ricevente di sviluppare AR non è risultato dipendere dalla presenza di AR nel donatore, dall’età in cui il donatore ha successivamente sviluppato AR o dall’intervallo tra la donazione e la diagnosi di AR del donatoreAllo stesso modo, il rischio di sviluppare un AR in pazienti che avevano ricevuto trasfusioni di sangue da uno stesso donatore non variava né se venivano considerati tutti casi di AR (HR per precedente ricevente con AR, 0,96; IC 95% da 0.86 a 1.07) né se venivano considerati i sottotipi specifici di AR.In conclusione, noi non è stata trovata alcuna prova che l’AR possa essere trasmessa con le trasfusioni di sangue o che ci sia il rischio che questo possa accadere. Questa affermazione è supportata dalla vasta dimensione del campione oggetto di studio e dalla conseguente bassa presenza di fattori confondenti che garantiscono alla ricerca un elevato valore statistico.


Ann Reum Dis 2018, Mar 1 [Epub ahead of print]

Transmission of rheumatoid arthritis through blood transfusion: a retrospective cohort study

Just SA, Rostgaard K, Titlestad K, Edgren G, Erikstrup C, Ullum H, Pedersen OB, Nielsen KR, Askling J, Lindegaard H, Hjalgrim H.

Altre notizie della sezione

dottore paziente 153x97 - Riduzione degli agenti patogeni / inattivazione dei prodotti per il trattamento dei disturbi emorragici: quali sono i processi e cosa dovremmo dire ai pazienti?

2 marzo 2018

Riduzione degli agenti patogeni / inattivazione dei prodotti per il trattamento dei disturbi emorragici: quali sono i processi e cosa dovremmo dire ai pazienti?

I pazienti con disturbi del sangue (compresa la leucemia, i disturbi della funzionalità piastrinica e le deficienze dei fattori di coagulazione) o con sanguinamento acuto ricevono prodotti derivati dal sangue, come i globuli rossi, i concentrati piastrinici e i prodotti derivati dal plasma. Sebbene il rischio di contaminazione da agenti patogeni dei questi prodotti sia […]

ISS 5824 00014 153x97 - Pazienti ematologici e rischio di infezioni trasmesse attraverso emoderivati

28 febbraio 2018

Pazienti ematologici e rischio di infezioni trasmesse attraverso emoderivati

Uno studio del 2014 del NHS Blood and Transplant ha indicato che oltre un quarto dei globuli rossi sono stati trasfusi in pazienti con condizioni ematologiche. Per i componenti piastrinici, la figura è più alta. Alcuni gruppi diagnostici, come le emoglobinopatie, le sindromi mielodisplastiche e alcuni pazienti affetti da patologie oncoematologiche, ricevono numerose trasfusioni, sia […]

trasfusione sangue 153x97 - Parvovirus B19: Qual è la rilevanza nella medicina trasfusionale?

26 febbraio 2018

Parvovirus B19: Qual è la rilevanza nella medicina trasfusionale?

Il parvovirus B19 (B19V) è stato scoperto nel 1975. L’associazione con una malattia all’inizio dopo la scoperta di B19V non era chiara , ma nel frattempo è stata riconosciuta come l’agente infettivo della “quinta malattia”, un malattia dei bambini piuttosto innocua. Ma B19V infetta le cellule progenitrici eritrocitarie e quindi, l’infezione acuta da B19V in […]