Popolazioni diverse di cellule ematiche mononucleate mostrano diversa capacità di trasmissione delle infezioni da prione attraverso le trasfusioni

La malattia di Creutzfeldt Jakob variante resta un problema irrisolto per la sanità pubblica in medicina trasfusionale. Studi precedenti condotti sul modello ovino e riguardanti un’altra malattia da prioni, ovvero la scrapie, avevano dimostrato che la trasfusione di appena 200 uL di sangue intero infetto risultano efficaci per la trasmissione di malattia in ovini non affetti e che anche la sola somministrazione di WBC è efficace nel processo infettivo. Gli autori di questo studio hanno individuato il minimo numero di cellule necessarie per la trasmissione della scrapie nel modello ovino: sulla base dei dati relativi a questo studio 10 5 WBC e 100 uL di sangue ottenuti da donatore infetto asintomatico sarebbero sufficienti per trasmettere la malattia; è stata inoltre documentata la diversa capacità di differenti popolazioni di cellule mononucleate di infettare riceventi non precedentemente infetti.

I dati scaturiti da questo studio sono fondamentali al fine di stabilire in maniera più precisa il rischio di trasmissione prionica attraverso la via trasfusionale e di ridefinire le modalità dei processi di leucoriduzione attualmente applicati in medicina trasfusionale.


J Virol. 2016 Jan 13;90(7):3439-45.

Mononucleated Blood Cell Populations Display Different Abilities To Transmit Prion Disease by the Transfusion Route.

Douet JY, Lacroux C, Litaise C, Lugan S, Corbière F, Arnold M, Simmons H, Aron N, Costes P, Tillier C, Cassard H, Andréoletti O

Altre notizie della sezione

10 ottobre 2016

Dieci anni di follow-up di due coorti, con un aumento del rischio di variante CJD: donatori di individui che in seguito hanno sviluppato variante CJD e altri riceventi plasma derivati da parte di questi donatori a rischio

Estratto Background La trasmissione della variante della malattia di Creutzfeldt-Jakob (vCJD) attraverso la trasfusione di sangue ha provocato tre morti e una infezione asintomatica. Sulla base di queste evidenze, gli individui risultati con un maggior rischio di vCJD sono quelli che hanno ricevuto emoderivati da  individui che in seguito hanno sviluppato vCJD , o mediante […]

21 gennaio 2016

La Creutzfeldt Jakob Disease e le emotrasfusioni: dati epidemiologici dal Regno Unito

La Creutzfeldt Jakob disease (CJD) è una malattia neurodegenerativa legata ai prioni attualmente intrattabile e fatale. Esiste in 3 principali forme: quella sporadica  (sCJD), quella variante (vCJD) e quella familiare (fCJD). In particolare la variante della CJD (vCJD) è la forma zoonotica dell’ encefalopatia spongiforme bovina. Essa è stata ampiamente studiata in UK riscontrando 3 […]

11 gennaio 2016

Creutzfeldt-Jakob variante nei pazienti anziani

Dei 177 pazienti a cui veniva posta diagnosi di Creutzfeldt Jakob variante (vCJD) nel periodo 1995-2014 nel Regno Unito soltanto 6 erano di età superiore ai 55 anni alla comparsa dei sintomi. Essi presentavano caratteristiche cliniche distinte rispetto ai pazienti più giovani con vCJD, tra le altre ad esempio l’assenza del reperto RMN caratteristico di […]