Un metodo per controllare la trasmissione attraverso plasma derivati del Virus Dengue

I virus Degnue (DENV) sono endemici in oltre 100 paesi, e nella maggior parte dei casi le  infezioni trasmesse sono asintomatiche. I virus Dengue possono essere trasmessi attraverso trasfusioni di plasma derivati e  sono stati segnalati diversi casi a livello globale. Attualmente, non vi è alcun test di screening su sangue per il DENV, e anche i metodi di inattivazione virale non hanno dimostrato efficacia per questi virus. Per ridurre il rischio di trasmissione del virus Dengue attraverso i plasma derivati, i donatori di ritorno da aree in cui sono endemici questi virus non possono donare il sangue. In alternativa, il rischio di trasmissione attraverso il sangue dei virus Dengue può essere ridotto da test di screening.

Lo studio mirava a determinare il tasso di infezione di Dengue nei donatori durante le epidemie in Australia. I campioni di plasma sono stati raccolti da donatori di sangue durante le epidemie nel 2008/2009 e 2012/2013. Tutti i campioni sono stati testati per la presenza di DENV RNA e campioni selezionati sono stati testati per l’antigene DENV (proteina non strutturale 1, NS1) con due dosaggi. Non si sono riscontrati donatori residenti in zone ad alto rischio con positività per DENV RNA o DENV NS1 e nessun caso di viremia è stato rilevato. Il fatto che non siano state riscontrate positività per DENV RNA o antigene nel plasma dei donatori suggerisce che il rischio attuale di trasmissione dei virus Dengue attraverso il sangue è basso e la restrizione per i donatori “a rischio” è appropriato.


J Blood Transfus. 2016;2016:3059848. Epub 2016 Nov 13

Mitigating the Risk of Transfusion-Transmitted Dengue in Australia

Rooks K, Seed CR, Fryk JJ, Hyland CA, Harley RJ, Holmberg JA, Marks DC, Flower RL, Faddy HM.

Altre notizie della sezione

17 novembre 2016

Sofosbuvir/velpatasvir: un trattamento pangenotipico per l’infezione cronica da HCV con elevata efficacia e buona tollerabilità

Due recenti review, pubblicate dalle riviste Drugs e The Annals of Pharmacotherapy, fanno il punto sui dati disponibili circa l’associazione di sofosbuvir e velpatasvir, inibitori diretti delle polimerasi del virus epatitico C (HCV) NS5B e NS5A, rispettivamente. Questa associazione è stata valutata in una serie di trials clinci denominati ASTRAL come regime di trattamento pangenotipico […]

9 novembre 2016

Prevalenza, incidenza e fattori di rischio di infezione da HIV nei donatori di sangue del sud-est degli Stati Uniti

Il virus dell’immunodeficienza umana (HIV) può essere trasmesso attraverso la trasfusione di emoderivati. Il sud degli Stati Uniti ha un alto tasso di infezioni da HIV per le caratteristiche della popolazione che ha un ridotto accesso alle cure mediche, un’alta percentuale di povertà e di resistenza alla diagnosi e prevenzione dell’HIV. In questa popolazione abbiamo […]

11 ottobre 2016

Sieroprevalenza dell’infezione da HEV nei donatori di sangue Irlandesi

In Europa la maggior parte di infezioni da virus dell’epatite E (HEV) è causato dal genotipo 3. La più alta prevalenza di positività anticorpale all’HEV nel nostro continente si riscontra in Olanda dove raggiunge il 27% dei donatori, seguita da Francia 23.6%;  Spagna con il 20%; Danimarca 19.8%;  Inghilterra e Galles con il 12%. Lo […]