s 370x280 - Uno studio retrospettivo nazionale sulla prevalenza dell'infezione da virus dell'epatite E nei donatori di sangue italiani

Uno studio retrospettivo nazionale sulla prevalenza dell’infezione da virus dell’epatite E nei donatori di sangue italiani

Abstract

BACKGROUND:

In Europa, l’infezione da virus dell’epatite E (HEV) è principalmente una zoonosi di origine alimentare, ma può anche essere trasmessa per trasfusione di sangue. Di solito è un’infezione lieve e auto-limitata. Tuttavia, le persone immunocompromesse, che sono anche quelle con maggiori probabilità di subire trasfusioni di sangue, possono sviluppare epatite cronica e spesso cirrosi. Poiché questa è una potenziale minaccia per la sicurezza del sangue, abbiamo mirato a indagare la prevalenza dell’HEV nei donatori di sangue italiani.

MATERIALI E METODI:

Abbiamo utilizzato donazioni di plasma raccolte nel 2015-2016 da servizi del sangue (BS) sparsi in tutte le regioni italiane e destinati alla produzione di farmaci derivati dal plasma. I campioni di plasma sono stati testati per IgG e IgM anti-HEV e per HEV RNA usando test validati. Sono stati raccolti i dati riguardanti l’età e il sesso del donatore e la posizione della BS.

RISULTATI:

Sono stati testati un totale di 10,011 campioni di plasma. I tassi di prevalenza di IgG e IgM complessivi sono stati rispettivamente di 8.7 e 0.5%. Nessun campione era HEV RNA-positivo. La prevalenza di IgG era significativamente più alta nei maschi e nei donatori di 44 anni e oltre. La prevalenza di IgG differiva molto secondo la regione. Tassi regionali complessivi superiori al 15% sono stati riscontrati in Abruzzo e in Sardegna, e tassi del 10-15% sono stati riscontrati nel Lazio, in Umbria e nelle Marche. Considerando la prevalenza di IgG secondo la provincia in cui è stata localizzata la BS, sono stati riscontrati tassi superiori al 30% in Sardegna e in Abruzzo. L’età, il sesso e la regione di residenza del donatore erano indipendentemente associati alla positività delle IgG. La sede delle BS ha prodotto una significativa eterogeneità nei tassi di prevalenza all’interno delle regioni.

DISCUSSIONE:

Il tasso di IgG rilevato dell’8,7% in questo studio rappresenta uno dei più bassi tassi di sieroprevalenza riportati tra i donatori di sangue in Europa. I tassi di prevalenza particolarmente elevati in alcune regioni e province possono essere spiegati dalle abitudini alimentari locali e / o dalla contaminazione intensiva ambientale HEV. Prima di prendere in considerazione l’introduzione dello screening HEV RNA per le donazioni di sangue in Italia, è necessario affrontare ulteriori questioni importanti e sono necessari studi incentrati su benefici e costi.


Blood Transfus. 2018 May 4:1-9. doi: 10.2450/2018.0033-18. [Epub ahead of print]

Spada E, Pupella S, Pisani G, Bruni R, Chionne P, Madonna E, Villano U, Simeoni M, Fabi S, Marano G, Marcantonio C, Pezzotti P, Ciccaglione AR, Liumbruno GM

Altre notizie della sezione

sangue 153x97 - La prevenzione delle infezioni trasfusionali trasmissibili: un dilemma

2 luglio 2018

La prevenzione delle infezioni trasfusionali trasmissibili: un dilemma

L’autore di questo lavoro discute della sicurezza degli emocomponenti ed emoderivati, delle procedure di sicurezza adottate ponendosi alcuni punti di domanda, quali: Quanto è sicuro il sangue? Dovremmo optare per la massima o ottimale sicurezza? Le minacce percepite sono reali e rilevanti? La VCJD è ancora una minaccia? Frontiers in Medicine, Perspective article, 12 December […]

donazionesangue 1 153x97 - Donatori di sangue in calo nel 2017:  i dati del CNS

15 giugno 2018

Donatori di sangue in calo nel 2017: i dati del CNS

In occasione della settimana nazionale della donazione di sangue 2018, si svolge oggi a Roma presso la sede del Centro Nazionale Sangue (CNS) un convegno internazionale sulla donazione di plasma. Il dott. Giancarlo Liumbruno, direttore del CNS, ha lanciato un grido di allarme (vedi comunicato CNS) riguardo la progressiva riduzione del numero di donatori di […]

patog 153x97 - Prevenzione della trasmissione di patogeni attraverso sangue e prodotti plasma derivati per il trattamento dei disordini emorragici

12 giugno 2018

Prevenzione della trasmissione di patogeni attraverso sangue e prodotti plasma derivati per il trattamento dei disordini emorragici

La sicurezza degli agenti patogeni dei prodotti derivati ​​dal sangue / plasma è stata storicamente oggetto di notevole preoccupazione per la comunità medica. Misure quali la selezione dei donatori e lo screening del sangue hanno contribuito ad aumentare la sicurezza di questi prodotti, ma la trasmissione degli agenti patogeni è ancora possibile. I motivi di […]